COLPO VERONA. VINCE A CROTONE E SI PRENDE ANCHE LA TESTA DELLA CLASSIFICA

0
188

Bravo Fabio Grosso. Incarta la partita a Giovanni Stroppa con una formazione che alla vigilia avrebbe dovuto soffrire. E invece la qualità del centrocampo del Verona alla fine ha fatto la differenza. Il Crotone perde la seconda gara stagionale, la prima tra le mura amiche e contro una diretta concorrente. Il Crotone ha sofferto fin dall’avvio specie in difesa, reparto che non sempre ha dato sicurezza ma in questa occasione, contro un Verona spuntato per l’assenza di Pazzini e di Carmine, è andata in crisi. Specie sulle fasce dove Cuomo e Marchizza hanno profuso insicurezze a gogo. E infatti il gol del vantaggio ospite nasce da una palla persa in attacco e da un tentativo di controllo col tacco di Marchizza, piazzato male nell’occasione, che ha liberato Laribi al tiro che invece è diventato un assist per Handersson che appostato sul secondo palo mette in rete senza problemi al 14’. Ma anche in mezzo i problemi ci sono e si vedono. Firenze e Rohdén sembrano avulsi dal gioco e qualcosa si vede solo dalle fasce. Il Verona aspetta e riparte e così facendo sbaglia un sacco di occasioni, come al 17′ con Laribi, tiro fuori. Il Crotone però reagisce anche se in maniera poco lucida. Al 19’ Faraoni mette nel cuore dell’area dove però non ci arriva nessuno e 5 minuti dopo ci prova ma il suo tiro è deviato in angolo. Dal corner Martella raccoglie una respinta e al volo cerca lo specchio senza fortuna. Il Crotone spinge e un minuto dopo Nalini ha sul destro la palla buona ma il rossoblu nato a Verona scaglia una bordata che passa vicino al primo palo. Il Verona è sornione e un minuto dopo sbaglia ancora il 2-0. Tupta non sfrutta un errore di Sampirisi che s’incarta su un rilancio e scaglia un destro fuori di poco. I padroni di casa si affidano anche alle giocate di Benali che al 29’ pesca in piena area Faraoni che impatta bene di testa ma Silvestri è reattivo e devia in angolo. E in chiusura ancora brividi per i tifosi del Crotone quando Tupta non inquadra lo specchio sbagliando il facile raddoppio. Nella ripresa il Crotone è ancora più brutto del primo e il Verona ne approfitta quando al 12’ con una ripartenza poderosa concretizza il 2-0 grazie a Colombatto, che trasforma dopo un palo colpito da Tupta. Stroppa le prova tutte, gioca anche con quattro attaccanti ma è un errore del portiere ospite che al 40’ riapre la gara. Firenze calcia ad effetto in porta, Silvestri la combina grossa e confeziona 9 minuti di apprensione ai suoi compagni. E per sua fortuna il Crotone si fa pericoloso poche volte.