LA CREATIVITA’ CHE ARREDA, WORKSHOP DI ARREDO URBANO

0
612

Mettere le proprie competenze a servizio del bello, in maniera creativa e sostenibile. Questo il motore che ha fatto partire il primo Workshop di arredo urbano e design dedicato agli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria e i giovani soci dell’associazione Antigone-Osservatorio sulla ‘ndrangheta. L’evento, della durata di dodici giorni, già in fase di svolgimento, è stato ideato e curato dal prof. Filippo Malice, coordinatore della Scuola di Scultura dell’Accademia di Belle Arti, la quale ha stipulato un protocollo d’intesa con l’Osservatorio, e va ad inserirsi tra le attività di Didattica, Ricerca e Produzione della Scuola di Scultura per l’anno accademico 2016/2017. Il progetto prevede l’utilizzo di soli materiali di scarto (nello specifico vecchi termosifoni in ghisa), ai quali verrà data nuova forma, dignità e decoro trasformandoli in elementi di design per l’arredo urbano. La scelta di collocare i prototipi risultanti dal workshop all’interno del giardino che circonda la villa confiscata alla ndrangheta, sede dell’associazione Antigone-Osservatorio sulla ndrangheta, è fortemente evocativa: la trasformazione dal brutto al bello è uno dei principi cardine delle attività dell’associazione, che da dieci anni lavora sul territorio per promuovere un pensiero alternativo a quello mafioso, attraverso la diffusione della cultura, unico mezzo valido – affermano – per cambiare le cose dal basso. I professori Filippo Malice titolare della Cattedra di Scultura, Andrea Leuzzo docente di Tecniche di Fonderia e l’architetto Salvatore Borzì docente di Design, hanno seguito tutte le fasi di lavorazione, partendo dalle idee progetto, realizzando in collaborazione al collettivo artistico L.A.B.1 e ad alcuni degli studenti partecipanti, dei prototipi di arredo urbano. La grafica del workshop di arredo urbano e stata curata dal prof. Massimo Monorchio. Inoltre fanno parte della manifestazione collaborando al progetto con le proprie specificità i professori Franco Cimino, Remo Malice, docenti delle Accademie di Belle Arti di Reggio Calabria e Catanzaro. All’interno del workshop sono in programmazione degli eventi collaterali e, grazie al protocollo d’intesa stipulato, saranno molteplici le future attività che vedranno la collaborazione tra l’Accademia e l’Osservatorio sulla ndrangheta.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO