SPETTACOLI, INAUGURATA L’EDIZIONE 2017 DEL FESTIVAL INTERNAZIONALE “R. LEONCAVALLO”

0
545

 

 

Grande consenso di pubblico per lo spettacolo che ha aperto ufficialmente il Festival Internazionale “Ruggiero Leoncavallo” di Montalto Uffugo. Sul sagrato del Santuario della Madonna della Serra, reso incantevole da luci multicolori, si sono esibiti il Coro e l’Orchestra del Liceo musicale “Lucrezia della Valle di Cosenza”. Una esibizione, la loro, che, per quasi due ore, ha regalato alla platea emozioni intense. “E’ importante dare spazio alle realtà calabresi che sanno distinguersi per qualità, esaltando i giovani che hanno deciso di intraprendere la strada della musica”. Questo il commento di Enrico Provenzano, direttore artistico del Festival. “Siamo qui – ha dichiarato la dottoressa Loredana Giannicola, dirigente del Liceo musicale – grazie alla lungimiranza del sindaco di Montalto Uffugo Pietro Caracciolo, che ha saputo trasformare un’attività didattica quale l’alternanza scuola-lavoro in un progetto di promozione culturale e sociale. I maestri Saverio Pinto e Antonio Pisciotta hanno offerto alla platea un programma musicale che, oscillando dal classico al contemporaneo, è andato incontro ai diversi gusti musicali, entusiasmando anche i più giovani. Dopo “l’Inno d’Italia”, omaggio a Ruggiero Leoncavallo: il soprano Aurora Elia e il tenore Alex Bruno hanno interpretato magicamente la sua “Mattinata”. Da brividi il “Credo” tratto dalla Misatango eseguito dal soprano Ada Piatti, pianoforte: Oreste Calabria, fisarmonica: Francesco Mazzei. Quindi le possenti note di “O Fortuna” dai Carmina Burana. Molto apprezzati il “West side story medley” e la performance del tenore Alex Bruno. E ancora: “Danzon n.2” e “L’Inno della Champions League” scritto da Georg Friedrich e Tony Britten. Il concerto si  è chiuso con “Pomp and Circumstanance”. Il Festival Internazionale “Ruggiero Leoncavallo” da un paio di anni a questa parte ha cambiato pelle, e non soltanto per la scelta di programmare i suoi appuntamenti su un arco di tempo più lungo. “A Montalto Uffugo, quando si organizzava il Festival, l’idea di far ricorso agli sponsor era del tutto sconosciuta. Partendo dalle difficoltà finanziare del Comune, siamo riusciti a far di necessità virtù”. Così il sindaco Pietro Caracciolo, che ha continuato: “Il Festival dell’anno scorso ci è servito come trambolino di lancio, perché abbiamo recuperato credibilità e questo ci ha permesso di avere la fiducia di importanti aziende che hanno deciso di investire nel nostro progetto, sponsorizzando l’evento. Al di là del finanziamento che attendiamo di ricevere dalla Regione, abbiamo comunque deciso di contare sulle nostre forze, consapevoli dell’importanza che investire in cultura sia utile alla città”. Pienamente soddisfatto dell’esordio della manifestazione il vicesindaco di Montalto Uffugo e assessore alla cultura Emilio D’Acri per il quale: “Il Festival Leoncavallo deve essere soprattutto un modo per valorizzare i talenti cosentini e calabresi”. Il Festival Internazionale “Ruggiero Leoncavallo” ha in calendario altri quattro appuntamenti di altissimo livello: 9 luglio il violinista di fama mondiale Salvatore Accardo e il suo quartetto, il 16 luglio Lina Sastri e i suoi “Appunti di Viaggio”, il 23 luglio Giancarlo Giannini e il Marco Zurzolo Quartet in “Le parole Note”, il 30 luglio Monica Guerritore, Alessio Boni e l’Ensamble Lirico Italiano proporranno una lettura scenica dei brani più belli di “Pagliacci”, che è certamente l’opera più famosa del compositore Leoncavallo.