Salute

INCONTRO A ROMA, NESSUNA SOLUZIONE CONCRETA AL MOMENTO PER IL MARRELLI HOSPITAL

Si è svolto oggi, uno dei due e tanto attesi incontri romani in merito alla vicenda del Marrelli Hospital. Questa mattina all’incontro hanno partecipato la proprietà con i suoi consulenti legali ed il Dott. Andrea Urbani con i tecnici del Ministero della Salute.
Dal tavolo non è venuta fuori nessuna soluzione concreta. L’incontro pare sia servito esclusivamente a chiarire alcuni aspetti su numeri, dati e attività della clinica crotonese, in relazione alla programmazione regionale. L’impegno preso dal tavolo è quello di scrivere al Commissario ad acta, Massimo Scura per chiedere una verifica puntuale, e quindi anche per constatare se realmente tutti gli aspetti e le variabili siano stati considerati nell’assegnazione dei tetti di spesa alle Asp, e se la stessa Asp abbia proceduto con correttezza. I vertici del gruppo imprenditoriale crotonese ha, invece, fatto una richiesta chiara e precisa: la pretesa ed il diritto di sapere che spazio vogliono dare al Marrelli Hospital all’interno della programmazione sanitaria calabrese oggi e nei prossimi anni.
L’imprenditore, i lavoratori ed i pazienti hanno il bisogno, ma anche il diritto di sapere se questa struttura serve al SSN (sistema sanitario nazionale) e se “i tecnici delegati” intendono utilizzarla per quella che oggi è e le potenzialità che esprime. Se la struttura serve, allora deve avere pari dignità rispetto a tutte le altre strutture della Calabria. Sessanta posti letto per acuti devono poter funzionare tanto a Cosenza quanto a Crotone. E la stessa cosa vale per le altre prestazioni, anche in considerazione di quello che ha dimostrato e di quanto la Regione Calabria ha necessità. Questa è la domanda che i vertici del gruppo imprenditoriale hanno fatto al dirigente della programmazione sanitaria del Ministero della Salute e questa è la risposta che, in realtà, si vorrebbe avere anche dalla politica e dalla voce del governo. Se l’intenzione è continuare a considerare il Marrelli Hospital come una struttura da contrastare e la Calabrodental una struttura da “abbattere anno dopo anno tagliandogli prima una mano poi un braccio e poi una spalla, allora vuol dire che “la struttura non serve e pertanto è meglio chiudere!”. Il prossimo 16 Ottobre è previsto un ulteriore tavolo al Ministero dello Sviluppo Economico, dove saranno inviati, oltre che il Ministero della Salute, anche il commissario Scura e la Regione, oltre che le parti sociali. Un tavolo importante, a cui si auspica nella presenza anche della politica e non solo dei tecnici ministeriali. Quella sarà la sede per avere la risposta che il gruppo imprenditoriale crotonese attende.

Related posts

NUOVI OSPEDALI, LA REGIONE CHIEDERA’ IL RISARCIMENTO

Redazione.

Sanità, Abramo: basta lentezze su azienda unica

Redazione.

FABIO DE FURIA ELETTO PRESIDENTE DELLA MIAMI SCIENTIFIC ITALIAN COMMUNITY

Redazione.

Lascia un commento