Cronaca

SIGILLI AL NUOVO DEPURATORE DI BRANCALEONE. IN 15 DOVRANNO RISPONDERE DI ABUSO D’UFFICIO

I finanzieri di Reggio Calabria hanno sequestrato il nuovo depuratore di Brancaleone, costato 3 milioni e mezzo di euro e mai entrato in funzione. Quindici le persone indagate per abuso d’ufficio, falsita’ ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici e truffa ai danni dello Stato. I militari hanno eseguito un provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Locri nei confronti di dirigenti della Regione Calabria, amministratori del comune di Brancaleone e liberi professionisti. Contestualmente al sequestro del depuratore e delle opere di collegamento alla rete fognaria, i finanzieri hanno eseguito diverse perquisizioni negli enti pubblici interessati al fine di acquisire la documentazione relativa alla costruzione e al successivo collaudo dell’impianto che sorge in localita’ Fiumarella. L’impianto era stato commissionato dal Commissario Straordinario per l’emergenza ambientale in Calabria.

Related posts

CIRÒ MARINA (KR), LA CAMPANA NAVALE DEL CACCIA TORPEDINIERE LINCE A CASA. DENUNCIATO

Redazione.

‘Ndrangheta: la Corte d’Appello dice no alla confisca delle quote del Crotone Calcio

Redazione

ISOLA CAPO RIZZUTO (KR), PASTORE RAPINATO MENTRE PASCOLAVA UN GREGGE

Redazione.

Lascia un commento