soldi/economia

SALDI, OGNI FAMIGLIA SPENDERA’ 325 EURO

Interessano oltre 15 milioni di famiglie, muovono in totale 5,1 miliardi di euro, con una spesa media a famiglia di 325 euro, circa 140 euro pro capite in abbigliamento, calzature e accessori: sono questi, secondo le stime dell’Ufficio Studi Confcommercio, i numeri dei saldi invernali che partono il 2 gennaio in Basilicata e Sicilia, il 3 in Valle d’Aosta e dal 5 gennaio in tutte le altre regioni. L’associazione ricorda alcuni principi base, come la possibilità di cambio (obbligatoria in caso di prodotti danneggiati o non conformi”, l’obbligo di accettare i pagamenti con carte di credito e di indicare prezzo di partenza, sconto e prezzo finale. Si tratterà di una “straordinaria opportunità di risvegliare i consumi” secondo il presidente di Federazione Moda Italia, Renato Borghi. “I consumatori potranno così tornare a trovare ‘vere’ occasioni nei nostri negozi; noi commercianti potremo affrontare più sereni le prossime scadenze; le vie ed i centri dei nostri Comuni avranno l’opportunità, offerta dalla moda, per rianimarsi”. Confesercenti stima quest’anno particolarmente elevata l’adesione di negozianti e consumatori: a partecipare alle prossime vendite di fine stagione saranno infatti circa 280mila attività commerciali, inclusa praticamente la totalità dei negozi di moda e di tessili. Interesse alto, secondo il sondaggio effettuato da Confesercenti in collaborazione con SWG su un campione di 600 commercianti e 1.500 consumatori, anche tra i clienti: circa un italiano su due (il 47%) ha già deciso che approfitterà dell’occasione per fare almeno un acquisto, valutando di investire, mediamente, 122 euro a persona, pari a circa 280 euro a famiglia. “Quest’anno gli sconti di partenza saranno più alti della media e l’assortimento molto ampio, visto il meteo incerto che ha caratterizzato la stagione invernale. Per i consumatori sarà meglio del Black Friday, con un periodo di sconti più lungo e tutti i vantaggi del negozio tradizionale”, spiega Roberto Manzoni, Presidente di Fismo Confesercenti. “Un’occasione di risparmio per i consumatori, ma anche di vendita per le imprese, che cercano l’inversione di tendenza dopo l’ennesimo anno fiacco. Anche le vendite di Natale, seppure positive, sono state sotto le attese”.

Related posts

ABITARE.CO, IN CALABRIA IL MERCATO DELLE CASE CRESCE DEL 2,3%

Redazione.

CAPODANNO, COLDIRETTI: “OLTRE QUATTROMILA CALABRESI NEGLI AGRITURISMI”

Redazione.

CALABRIA, SALDO POSITIVO PER LE IMPRESE. “+1.387 UNITÀ NEL 2018”

Redazione.

Lascia un commento