Sport

IL CATANZARO SI AGGIUDICA IL DERBY CON LA REGGINA. SETTE RETI E SPETTACOLO DAVANTI I 10000 DEL GRANILLO

In un derby spettacolare, davanti ad oltre diecimila spettatori di un “Granillo” pulsante, vince il Catanzaro (3-4) dopo oltre 90′ intensi. Sette gol, un tempo per parte, con i tre punti che prendono la strada del capoluogo di regione, per una classifica che sorride ai giallorossi. Primo tempo tempo di marca giallorossa con quattro reti in soli 37′, con una ripresa a forti tinte amaranto, che alla fine sfiorano una clamorosa rimonta. CRONACA – Parte forte la squadra di Auteri e dopo 180″ è già in vantaggio. Cross al “bacio” di Bianchimano, con il tap-in vincente di D’Ursi. Un gol che non placa la fame degli ospiti, che dopo due minuti trovano il raddoppio. È Bianchimano, al quarto centro in tre gare, con imperioso colpo di testa a trovare il sette. L’attaccante giallorosso al 14′ è costretto per infortunio a lasciare il posto entra Fischlanner. Reggina in completo sbandamento e Catanzaro in controllo totale del match, nonostante deve fare a meno anche di Kanoute, sostituito da Giannone. Al 35′ clamoroso errore difensivo della squadra di Cevoli, con Celiento lesto a segnare di testa. Sotto di tre reti è buio pesto per gli amaranto, che due minuti dopo con D’Ursi, autore di una doppietta personale, sigla la quarta rete. Nella seconda frazione, sotto di quattro reti, Cevoli cambia modulo passando dal 3-4-3 al 4-3-3, con l’inserimento di Doumbia a dare brio all’attacco reggino. Al 49′ la Reggina accorcia le distanze con Bellomo. Un gol che da coraggio all’undici amaranto, che al 56′ trovano il 2-4. Bellomo serve Baclet, che crossa al centro per Doumbia che non sbaglia. Nella parte centrale del tempo occasioni importanti per Baclet e Figliomeni, con Furlan e Confente bravi a respingere i pericoli. Cevoli tenta il tutto per tutto è intorno alla mezzora inserendo Tulissi, Sandomenico e Tassi al posto di Baclet, Bellomo e Strambelli. Al 90′ la Reggina trova la terza rete con Tassi bravo a finalizzare un calcio di punizione di Tulissi. Nel lungo recupero concesso, il “Granillo” spinge forte e per poco gli amaranto con Tassi non trovano il clamoroso 4-4.

Related posts

IL SOGNO CONTINUA. IL CROTONE VINCE IN RIMONTA A MARASSI MA L’EMPOLI NON MOLLA

Redazione

NICOLA SOTTO I FERRI PER RIDURRE LA FRATTURA ALLA MANO

Redazione

PROCESSO CHIEVO BIS, -3 IN SERIE A E 200MILA EURO DI MULTA

Redazione.

Lascia un commento