Sport

IL CROTONE TORNA PICCOLO DOPO FOGGIA. SOLO UN PARI CASALINGO CONTRO IL LIVORNO

E niente! Il Crotone illude tutti con la bella vittoria a Foggia e poi non concretizza in casa. Anche contro il Livorno una film già visto, tanta buona volontà, impegno (non tutti però) ma alla fine poco costrutto. Anzi se i difensori del Livorno non la combinano grossa visto che si sono rinviati il pallone uno addosso all’altro, forse la gara poteva finire in malo modo. Stroppa forse poteva gestire meglio le scelte iniziali. Lascia Machach in panca che ci resta malissimo e non fa nulla per nasconderlo quando entra nel secondo tempo. Al suo posto Pettinari che fa la guerra con tutti ma sui suoi piedi non capita manco una mezza palla gol. Difesa confermata come a Foggia così come il blocco di centrocampo. Ma gli esterni questa volta non funzionano a dovere. Firenze sbatte sempre su Valiani e concretizza poco anche nei 16 metri. Sampirisi appare in difficoltà ma non tanto per l’avversario ma perché dà l’impressione di non avere ne gamba o corsa, né tantomeno piede. Non ci ricordiamo un cross degno di questo nome nell’area toscana. Dicevamo la difesa: Spolli incappa in un autorete sfortunata quando sul cross di quel diavoletto di Diamanti prova ad intervenire su Giannetti che sfiora di testa costringendolo ad uno svolazzo che si concretizza con l’1-0 per il Livorno. I padroni di casa impiegano 25 minuti per mettere in equilibrio la gara ma devono ringraziare la difesa labronica, goffa in occasione del gol di Simy. Dopo il riposo ti aspetti in Crotone arrembante grazie anche ad un forte vento che questa volta soffia alle proprie spalle. E invece niente. Breda lascia sotto la doccia Murilo, inserisce Kupisz, avanza Diamanti in attacco e pareggia gli uomini a centrocampo. Risultato? La gara è anestetizzata. Nessun pericolo né da una parte che dall’altra. Qualche incursione da parte di Giannetti con risposta di Cordaz. Poi i cambi. Stroppa butta dentro Machach e Benali ma entrambi sembrano indolenti e forse anche scontenti e non è difficile capirne i motivi: volevano una maglia da titolare. Poi il finale regala un po’ di emozioni: prima è Diamanti (sempre lui) che impegna Cordaz e nel finale Machach potrebbe cambiare la storia alla partita ma il suo tiro da fuori area è intercettato da Mazzoni. Finisce 1-1 tutti scontenti e nessuno felice. Guardare la classifica di entrambe per capirne i motivi.

Related posts

CROTONE, ANCORA POCHE ORE PER SISTEMARE LA SQUADRA

Redazione

MATTIA E CLAUDIA SCALISE, ALLENAMENTI ED ESAMI PER DIVENTARE MAESTRI DI SCI

Redazione.

SERIE B, MARIANO IZCO HA FIRMATO CON IL COSENZA. L’ARGENTINO CONVOCATO PER PERUGIA

Redazione.

Lascia un commento