Cronaca

CUTRO, INIZIATE LE OPERAZIONI DI DEMOLIZIONE DI ALCUNE CASE ABUSIVE SUL FIUME TACINA

Sono iniziate ieri le operazioni di demolizione di uno dei 29 manufatti abusivi costruiti nella proprietà dell’Agenzia Regionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura (Arssa), adiacente il Fiume Tacina, un’area sottoposta a vincolo paesaggistico – ambientale. Alcuni fabbricati erano stati segnalati nel 2016 dai militari della Sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri di Crotone. Le indagini sono state avviate dalla Procura della Repubblica di Crotone e condotte dai militari della Sezione di Polizia Giudiziaria dei Carabinieri di Crotone, che hanno accertato la presenza di ben 29 manufatti abusivi realizzati senza autorizzazione di un’area di oltre tre ettari adiacente al corso del fiume Tacina. Si tratta di case vacanze che negli anni passati sono state anche coinvolte in inondazioni, per fortuna senza la perdita di vite umane. La demolizione ha interessato un manufatto di circa 135 metri quadrati, realizzato da una pensionata originaria di Mesoraca, che ha ottemperato all’ordinanza di demolizione ed al ripristino dello stato dei luoghi a proprie spese. L’attività di demolizione proseguirà nelle prossime settimane per altri fabbricati oggetto di ordinanza anche in base alla convenzione sottoscritta dalla Procura della Repubblica e dalle Amministrazioni comunali, tesa a demolire gli immobili abusivi. La demolizione si aggiunge alle altre già realizzate nel territorio della provincia di Crotone nel corso dell’anno appena passato, dando un segno concreto della volontà delle amministrazioni pubbliche di tutelare il territorio contro gli abusi, per contenere il consumo di suolo e prevenire il dissesto idrogeologico.

Related posts

Rintracciata in Calabria rientra a casa giovanissima abruzzese

Redazione.

Nencini: “l’Aeroporto di Crotone deve ripartire prima dell’estate”

Redazione

CORINALDO, LA STRAGE IN DISCOTECA CAUSATA DALLA BANDA DELLO SPRAY

Redazione.