Cronaca

LA CASSAZIONE ANNULLA LA CONFISCA DEL PARCO EOLICO DI ISOLA CAPO RIZZUTO

La Corte di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza di confisca emessa dalla Corte d’appello di Catanzaro, sezione misure di prevenzione, del parco Eolico “Wind farm” di Isola Capo Rizzuto. La decisione è stata adottata, dopo alcune ore di camera di consiglio, in accoglimento del ricorso avanzato dai titolari del parco Eolico, tra i più grandi d’Europa, tra i quali c’era Carmine Megna, difeso dagli avvocati Piero Chiodo e Carmine Mancuso. “E’ stata dimostrata – spiegano i due legali – l’assoluta estraneità dei proprietari del parco Eolico a qualsiasi cointeressenza mafiosa con il clan degli Arena e, in particolare, l’assoluta liceità dei finanziamenti ricevuti da banche tedesche e non da presunte cosche mafiose”. Il provvedimento di confisca era stato emesso nel maggio 2017 dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Catanzaro su richiesta del procuratore Nicola Gratteri, dell’aggiunto Vincenzo Luberto e del pm Domenico Guarascio ed era stato eseguito dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria-Gico di Catanzaro. La confisca era stata disposta nei confronti di Pasquale Arena, nipote del capo dell’omonima cosca Nicola e fratello del boss Carmine, ucciso a colpi di bazooka in un agguato nel 2004. Secondo l’accusa, il parco sarebbe stato da ricondurre alla cosca tramite Pasquale Arena, funzionario del Comune di Isola Capo Rizzuto.

Related posts

Turbativa d’asta e tentata concussione, sei arresti nel Cosentino

Redazione.

TSUNAMI SULLA MAGISTRATURA CALABRESE. IL FATTO QUOTIDIANO: “QUINDICI MAGISTRATI CALABRESI INDAGATI DALLA PROCURA DI SALERNO”

Redazione.

CIRÒ MARINA, OPERAZIONE CLONE: INDAGATO FUNZIONARIO DELLA MOTORIZZAZIONE CIVILE

Redazione.