Cronaca

ARRESTATO CIRO RUSSO, L’UOMO CHE HA DATO FUOCO ALLA MOGLIE. ERA IN UNA PIZZERIA A REGGIO CALABRIA

E’ durata poco più di ventiquattro ore la latitanza di Ciro Russo. L’uomo che, nella mattinata di mercoledì, aveva dato fuoco all’auto dell’ex moglie in Via Frangipane generando gravi ustioni alla vittima, è stato arrestato dagli uomini della Polizia quando mancavano pochi minuti alle 22.  L’uomo di Ercolano, era all’interno di una pizzeria di Via Malacrinò, in centro a Reggio Calabria, nella zona tra il Museo Nazionale della Magna Graecia e gli Ospedali Riuniti. Stava acquistando una piazza, ma le indagini degli uomini delle forze dell’ordine hanno permesso di intercettarlo e mettergli le manette ai polsi. “E’ stata una cattura arrivata dopo incessanti ore di lavoro da parte della Squadra Mobile di Reggio Calabria e di investigatori dello Sco”, queste le prime parole di Francesca Romana Capalbo (Sco). Un lavoro di Intelligence investigativa, sviluppato attraverso l’acquisizione di immagini di videosorveglianza e presidio del territorio. “Si era compreso – ha detto la dirigente dello Sco – che l’uomo potesse essere nella zona in cui alla fine è stato individuato”. “E’ rimasto a Reggio perché, secondo me, stava per prepararsi alla fuga. Non ha lasciato la città, perché nell’immediatezza dei fatti è scattato subito il protocollo di sorveglianza su tutta la città. Abbiamo allertato tutti i nostri reparti, creando un dispiegamento di forze straordinario ed è possibile che lui se ne sia accorto”. A precisa domanda riguardo a possibili appoggi nati da rapporti costruiti nel periodo in cui lavorava per un’agenzia di onoranze funebre di una persona oggi testimone di giustizia o con ambienti rom o legati al mondo degli stupefacenti, il capo della Squadra Mobile Francesco Rattà è chiaro: “Questo sarà oggetto delle nostre indagini successive alla cattura. Dobbiamo avere il tempo di vagliare tutti gli elementi che abbiamo acquisito e che acquisiremo”. Una latitanza durata quasi due giorni quella di Russo.  “Nelle prossime ore  – ha evidenziato Rattà  – accerteremo se l’uomo è stato favorito o protetto da qualcuno lo accerteremo nelle prossime ore. Sono state sentite alcune persone, ma nessuna ha fermato elementi conducenti all’individuazione del fuggitivo. Non sappiamo al momento dove abbia passato la notte, speriamo di scoprirlo nel prosieguo delle indagini”.

Leggi anche:  EVADE DAI DOMICILIARI E DA FUOCO ALL’AUTO CON L’EX MOGLIE DENTROCIRO RUSSO, È CACCIA ALL’UOMO IN TUTT’ITALIA, L’IDENTIKIT DELLA QUESTURA DI REGGIO SI AGGRAVANO LE CONDIZIONI DELLA DONNA BRUCIATA DALL’EX MARITO. TRASFERITA A BARI CON UN FALCON DELL’AERONAUTICA 

Related posts

ISOLA CAPO RIZZUTO, IMPRENDITORE UCCISO A CAPO BIANCO. INDAGINI IN CORSO

Redazione.

OMICIDIO A PATERNO CALABRO, UCCIDE LO ZIO E POI SI COSTITUISCE

Redazione.

Carceri di Crotone e Arghillà tra le peggiori in Calabria. La denuncia arriva dal Sappe

Redazione

Lascia un commento