Sport

ASENCIO ILLUDE IL COSENZA, LA SALERNITANA VINCE IN RIMONTA

Arechi per il Cosenza, che passa in vantaggio, ma viene rimontato dalla Salernitana. Per i rossoblu calabresi arriva la terza sconfitta consecutiva, con la classifica che si fa sempre più critica. Eppure il Cosenza era passato in vantaggio con Asencio (14′), ma i soliti errori individuali hanno consentito ai campani di ribaltare il risultato nella prima frazione e di controllare il risultato nella ripresa. CRONACA – Braglia cambia modulo e interpreti schierando i suoi con un 4-3-1-2: con Capela, Corsi, Trovato ed Asencio in campo dal 1′ minuto. Ventura risponde con un 3-5-2, con la riconferma della coppia d’attacco Djuric-Gondo. Partono forte i padroni di casa che al 7′ sfiorano il vantaggio con Gondo, ma la sfera termina di poco al lato. La Salernitana spinge, ma è il Cosenza che alla prima occasione trova il vantaggio con Asencio sugli sviluppi di un corner (0-1). Ventura striglia i suoi chiedendo calma e concentrazione. Ci prova Lombardi da fuori, ma Perina è attendo e devia in angolo. Perina protagonista su Djuric qualche minuto più tardi. Il forcing campano da i suoi frutti al 31′. Trovato perde una palla sanguinosa sulla trequarti, Lombardi si invola e batte Perina, nell’occasione apparso in ritardo (1-1). Due minuti più tardi Cosenza costretto al cambio per l’infortunio di Legittimo, sostituito da D’Orazio. Un gol che da nuova linfa anche all’Arechi che spinge forte i propri beniamini. Entusiasmo ripagato al minuto 44: Akpa Akpro sfrutta l’ennesimo errore cosentino, ruba palla a Trovato e arriva al limite dell’area trovando l’angolino basso della porta di Perina. Ad inizio ripresa il tecnico cosentino manda in campo Monaco al posto di Trovato, con la difesa che viene schierata a 3. Ventura lascia negli spogliatoio l’acciaccato ed ammonito Karo inserendo Aya. Il Cosenza spinge alla ricerca del pareggio e ci va vicino con capitan Corsi, che entra in area, con il suo turo respinto da un difensore sulla linea, con Micai battuto. Cosenza che protesta qualche minuto più tardi per un fallo da ultimo uomo su Asencio, ma Amabile fa proseguire tra le proteste calabresi. La risposta campana arriva con il “solito” Lombardi, che salta prima D’Orazio e poi Idda, ma tira alto. Braglia effettua la terza sostituzione al 75′ provando la carta Baez al posto di uno stanco Asencio. Cosenza che sfiora il pari con Rivière bravo a girarsi in area, ma la sfera fa la barba al palo. Nel recupero è Machach a provarci da fuori area ma Micai para senza problemi. Finisce dopo 4′ con la vittoria degli uomini di Ventura, per il Cosenza arriva la terza sconfitta ed una classifica che comincia a far paura!

Related posts

IL CROTONE TORNA PICCOLO DOPO FOGGIA. SOLO UN PARI CASALINGO CONTRO IL LIVORNO

Redazione

COSENZA, MALEDETTA ZONA CEESARINI. ROSSOBLU CONDANNATI ALLA “FAVORITA” DAL GOL DI PUSCAS AL 90′

Redazione.

MONDIALI 2022 IN QATAR, PLATINI ARRESTATO PER CORRUZIONE

Redazione.