Sport

CALCIO NEL CAOS, AL RIETI MANCA L’ALLENATORE. LA REGGINA VINCERÀ A TAVOLINO

Un’altra pagina “nera” del calcio italiano è stata scritta ieri allo stadio “Manlio Scopigno” di Rieti. Una farsa che butta altro fango sul pallone italico. Dopo una settimana passata a capire cosa succedeva in casa laziale, la gara doveva iniziare con in campo la squadra Beretti, dopo i problemi societari, con il passaggio di consegne dall’ex presidente Riccardo Curci alla nuova proprietà della Ital Diesel, lo sciopero dei giocatori per il mancato pagamento degli stipendi e un’atmosfera surreale. Ma il peggio deve ancora arrivare. Dopo il riscaldamento dei ragazzini della Beretti e della squadra amaranto, davanti a pochi intimi (qualche tifoso di casa e cinquanta ultrà amaranto ndr), l’arbitro Di Cairano ha constatato come non ci fosse un allenatore abilitato a sedersi sulla panchina del Rieti. L’allenatore della prima squadra Caneo non è più in città, il suo vice Maschio ha prodotto un certificato medico, mentre al tecnico della Beretti Pezzotti è scaduta la deroga e non può andare in panchina. Deroga concessa per un mese e non più data dalla Figc, per mancanza del requisito d’urgenza. Il penultimo atto di una vicenda assurda, che porterà la Federcalcio ad ufficializzare martedì lo 0-3 a tavolino per la Reggina, con il Rieti che a pochi giorni per risolvere la “vicenda”, prima della trasferta in Irpinia ad Avellino. Pochi giorni, prima dell’esclusione definitiva dal campionato.

Related posts

BATTUTO IL BENEVENTO IN INFERIORITÀ NUMERICA MA PER LA SALVEZZA DEL CROTONE SERVE ANCORA UN PUNTO

Redazione

CROTONE, PARI CON LA LAZIO, CERCA PUNTI SALVEZZA A NAPOLI. MA IL GOL ANNULLATO CONTRO IL CAGLIARI CHIEDE GIUSTIZIA

Redazione

CALCIO: COMUNE COSENZA, OK A INTERVENTI MANUTENTIVI STADIO

Redazione.