Sport

CALCIO NEL CAOS, AL RIETI MANCA L’ALLENATORE. LA REGGINA VINCERÀ A TAVOLINO

Un’altra pagina “nera” del calcio italiano è stata scritta ieri allo stadio “Manlio Scopigno” di Rieti. Una farsa che butta altro fango sul pallone italico. Dopo una settimana passata a capire cosa succedeva in casa laziale, la gara doveva iniziare con in campo la squadra Beretti, dopo i problemi societari, con il passaggio di consegne dall’ex presidente Riccardo Curci alla nuova proprietà della Ital Diesel, lo sciopero dei giocatori per il mancato pagamento degli stipendi e un’atmosfera surreale. Ma il peggio deve ancora arrivare. Dopo il riscaldamento dei ragazzini della Beretti e della squadra amaranto, davanti a pochi intimi (qualche tifoso di casa e cinquanta ultrà amaranto ndr), l’arbitro Di Cairano ha constatato come non ci fosse un allenatore abilitato a sedersi sulla panchina del Rieti. L’allenatore della prima squadra Caneo non è più in città, il suo vice Maschio ha prodotto un certificato medico, mentre al tecnico della Beretti Pezzotti è scaduta la deroga e non può andare in panchina. Deroga concessa per un mese e non più data dalla Figc, per mancanza del requisito d’urgenza. Il penultimo atto di una vicenda assurda, che porterà la Federcalcio ad ufficializzare martedì lo 0-3 a tavolino per la Reggina, con il Rieti che a pochi giorni per risolvere la “vicenda”, prima della trasferta in Irpinia ad Avellino. Pochi giorni, prima dell’esclusione definitiva dal campionato.

Related posts

IL CROTONE BATTE A FATICA IL VENEZIA E ADESSO SI GODE IL PRIMATO IN CLASSIFICA

Redazione.

SIMY DA TRE PUNTI. IL CROTONE TORNA A VINCERE E RIVEDE LA SALVEZZA

Redazione

CORSI, OPERAZIONE RIUSCITA. “IL MIO INFORTUNIO È UNA SCIOCCHEZZA RISPETTO ALLE SOFFERENZE CHE PROVANO OGNI GIORNO TANTE PERSONE”

Redazione.