Politica

CASTELLO ARAGONESE, SCULCO: E’ IL SIMBOLO DELL’INDIFFERENZA DEL MIBACT

“Incredibile ma vero! Sono due anni che un simbolo del turismo calabrese è chiuso al pubblico. Uno scandalo che solo in Calabria, terra sempre più dimenticata e lontana da Roma, può succedere. Vedere il castello di Le Castella abbandonato a sé stesso senza cura e soprattutto senza alcuna prospettiva fa male, ma soprattutto rende plastica l’indifferenza del Governo nazionale e di quello regionale”. E’ quanto scrive sulla vicenda del Castello Aragonese di Le Castella in una nota il consigliere regionale Flora Sculco. “Le Castella, insieme ai Bronzi di Riace, rappresentano il simbolo della Calabria turistica. Peccato, però, che nulla si muove per far sì che questo patrimonio sia reso fruibile ai tanti turisti che da tutto il mondo ne apprezzano le immagini e le foto. Credo sia diventata insopportabile questa situazione, che fa il paio, purtroppo, con il Castello di Carlo V di Crotone. La nostra provincia possiede il più ricco patrimonio storico e archeologico, e questo atteggiamento di indifferenza costituisce – attacca la Sculco – un vero e proprio schiaffo alla miseria per un territorio che cerca in tutti i modi di rilanciare le proprie aspettative di futuro cercando di investire in un piano di sviluppo che si basa sul turismo e sull’economia del mare. Non mi stupisce l’atteggiamento del Mibact. Il suo disinteresse nei confronti del nostro territorio è ormai noto anche alle pietre. Mai il Mibact ha fatto un serio investimento in questa provincia, e anche quando si è trovato a gestire cospicui investimenti per Crotone, vedi Antica Kroton, non ha fatto nulla, mettendo a rischio anche il progetto e l’investimento stesso. È insopportabile che la presenza del Mibact e dei suoi uffici regionali, nel nostro territorio, si segnali solo per veti e dinieghi e mai per un’azione costruttiva e positiva. Ed è anche strano ed incredibile l’atteggiamento del ministro Franceschini, visto che oltre ad essere ministro dei beni culturali è anche ministro del Turismo e dovrebbe sapere che una realtà come la nostra, in questo settore, ha delle potenzialità enormi, e dovrebbe agire e non invece ignorare e trascurare”. Sculco che di certo non le manda a dire e attacca la senatrice cinquestelle Corrado. “Se per il ministero si può parlare di fredda indifferenza, per la deputazione crotonese non si può che parlare di ‘fallimento politico’. ‘A Roma non sanno nemmeno dove sta Crotone’, mai una frase detta dalla senatrice Corrado è risultata più vera. Ma se i palazzi romani ignorano Crotone, la sua provincia e la sua storia, significa che i parlamentari di questo territorio non servono proprio a nulla. E l’ultima dichiarazione della senatrice Corrado è lo specchio fedele di questa situazione. La senatrice sostiene che non farà nulla per Le Castella, così come non ha fatto nulla per il Castello di Carlo V, se non produrne la chiusura, così come non ha mai aiutato Crotone nella vicenda dello stadio, così come si è messa di traverso nello sviluppo del progetto Antica Kroton. Non fa nulla perché tutte queste situazioni non corrispondono ai suoi “desideri”, fregandosene delle aspettative del territorio e dei suoi cittadini. Non ci rimane che appellarci al vice presidente della Regione, assessore Spirlì, che, a parole, ha sempre dimostrato la sua vicinanza a questo territorio. Ora l’assessore Spirlì passi dalle parole ai fatti e metta in campo tutta la forza istituzionale della Regione per far sì che il Mibact – conclude la Sculco – si risvegli da questo suo dannoso e lungo torpore”.

Related posts

SANITÀ, LA REGIONE CHIEDE 100 MILIONI ALLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI

Redazione.

Guccione attacca Occhiuto sui debiti contratti durante la precedente amministrazione

Redazione

CUTRO, IL PREFETTO TOMBESI NOMINA IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

Redazione.