Categoria: Politica

Politica

FORZA ITALIA, L’ELEZIONE DI GALLO E L’INCORONAZIONE DI OCCHIUTO

Redazione.
Gianluca Gallo, consigliere regionale e commissario uscente di Forza Italia a Cosenza, è stato eletto per acclamazione nuovo coordinatore provinciale del partito azzurro. All’importante appuntamento
Politica

OLIVERIO SCRIVE A CONTE: “IL SUO GOVERNO HA ABBANDONATO LA CALABRIA”

Redazione.
“Purtroppo le gravi scelte compiute in questi giorni dal Suo Governo a discapito della Calabria e del Sud mi costringono amaramente a constatare che la
Politica

SAN GIOVANNI IN FIORE, L’IDEA DI “DEMOCRAZIA PARTECIPATA” DI BITONTI E GENTILE

Redazione.
Ad un anno dalle prossime amministrative non mancano sui monti della Sila le fibrillazioni politiche e gli attacchi all’amministrazione a guida Giuseppe Belcastro. L”ultimo in
Politica

COSENZA, PRIMA USCITA PER IL NUOVO CONSIGLIO PROVINCIALE

Redazione.
Prima uscita per il neo eletto consiglio provinciale di Cosenza. “Abbiamo vissuto due anni di difficoltà – ha osservato Iacucci – ma il rapporto con
Politica

REDDITO DI CITTADINANZA, BEPPE GRILLO: “A DINAMI, IL PAESE PIÙ POVERO D’ITALIA, NESSUNO HA FATTO DOMANDA. O LAVORATE TUTTI IN NERO O SIETE ‘NDRANGHETISTI”

Redazione.
“La Calabria è la regione che in assoluto ha fatto meno domande di reddito di cittadinanza. C’è un paese qui che si chiama Dinami, il
Politica

REGIONE, CGIL: “PRONTI A MOBILITARCI PER LA DOPPIA PREFERENZA”

Redazione.
“La Cgil Calabria è pronta a mobilitarsi affinché il 25 marzo il Consiglio regionale approvi la proposta di legge sulla doppia preferenza di genere dopo
Politica

LEGGE AZIENDA UNICA OSPEDALI DI CATANZARO, IL CONSIGLIO REGIONALE APPROVA ALL’UNANIMITÀ

Redazione.
Il Consiglio regionale ha approvato, all’unanimità, la proposta di legge sull’integrazione dell’azienda ospedaliera “Pugliese-Ciaccio” e del Policlinico universitario “Mater Domini” di Catanzaro. Il testo, che
Politica

LEGGE SULLA DOPPIA PREFERENZA, STUMPO: “UNA IGNOBILE BRUTTA PAGINA POLITICA”

Redazione.
“Un fallimentare consiglio regionale ha rinviato, per mancanza di volontà politica e non solo numerica, la legge sulla doppia preferenza di genere decretando la fine