Mondo

CORONAVIRUS, TENSIONE USA-CINA SUI NUMERI DEL CONTAGIO

Nel giorno in cui l’Africa registra il primo caso confermato di coronavirus in Egitto (uno straniero di cui le autorità locali non hanno specificato la nazionalità), dalla Cina che combatte l’epidemia emerge la drammatica storia di sei martiri tra il personale sanitario, morti per bloccare il contagio come il medico eroe Li Wenliang che lanciò inascoltato per primo l’allarme e finì stroncato dal virus a 34 anni nella notte tra il 6 e il 7 febbraio. Il tutto mentre esplode la tensione tra Usa e Cina all’indomani della brusca revisione al rialzo fatta da Pechino delle infezioni accertate dopo il cambio dei parametri che ha spinto prima il consigliere economico della Casa Bianca, Larry Kudlow, e poi il ministero della Sanità americano a dubitare delle fondatezza dei numeri forniti. Secca la replica del ministero degli Esteri: la Cina ha lavorato “con la comunità internazionale nel controllo dell’epidemia in modo aperto, trasparente e altamente responsabile per il bene della sicurezza della salute pubblica globale e della salute di tutte le persone”, ha commentato nel briefing odierno il portavoce Geng Shuang.

Related posts

CORONAVIRUS, USA: 1031 DECESSI E 68572 CASI POSITIVI

Redazione.

COVID-19, DOWNING STREET: BORIS JOHNSON RISPONDE ALLE CURE

Redazione.

CESARE BATTISTI È ATTERRATO A CIAMPINO. ALLE 14 LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER CONTE

Redazione.