Cronaca

Cosenza: emergenza acqua, perquisizioni nella sede Sorical

I Carabinieri della compagnia di Cosenza, insieme a quelli del Gruppo Forestale, hanno effettuato dei controlli nella sede della Sorical di Cosenza, nell’ufficio tecnico del Comune e nei 4 serbatoi gestiti dalla Sorical e che forniscono acqua al capoluogo bruzio. I militari hanno acquisito documentazione contrattuale ed effettuato campionamenti sulla qualita’ dell’acqua. L’attivita’ di controllo e’ coordinata da Procura della Repubblica di Cosenza e scaturisce da un’inchiesta aperta a causa della perdurante crisi idrica che affligge la citta’ di Cosenza. “In merito all’iniziativa della Procura gli uffici della Sorical, nello spirito di massima collaborazione, hanno fornito elementi utili ai fini delle indagini. L’iniziativa della magistratura potra’ cosi’ fare definitivamente chiarezza su tutta la vicenda che interessa tutti i cittadini” – si legge in una nota dei commissari liquidatori della societa’.  Dal canto suo, l’amministrazione comunale di Cosenza ha reso noto che gli uffici preposti hanno fornito massima collaborazione e che tale operazione e’ simultanea all’azione propulsiva indirizzata da tempo dal sindaco Mario Occhiuto a risolvere le problematiche sulla mancanza d’acqua in citta’. Occhiuto ha sempre manifestato massima attenzione al problema della carenza idrica sul territorio e si e pertanto attivato su piu’ fronti. Contestualmente alle note ordinanze e ai numerosi solleciti che riguardano le competenze sul servizio della medesima Sorical, l’amministrazione ha messo mano a una rete idrica “colabrodo”, con interventi di nuove costruzioni di una parte consistente di rete nella zona piu’ sofferente a ovest della citta’, allacciando cosi’ un quinto degli utenti. La Regione Calabria si sarebbe dovuta occupare della ricerca e riparazione delle perdite nelle reti idriche della citta’ di Cosenza, cosi’ come nelle altre citta’ capoluogo. Giova ricordare – si legge nella nota di Occhiuto – che era quindi la Regione a dover realizzare gli interventi e non il Comune, appunto, ma non e’ riuscita neanche ad iniziare i lavori perdendo i finanziamenti del Por 2017/2013. L’Amministrazione comunale ha ripetutamente chiesto alla Sorical una portata che non sia media e complessiva di un periodo, bensi’ una portata minima costante giornaliera, che soddisfi le esigenze dei cittadini per l’igiene e la salute pubblica, considerando anche la presenza sul territorio di strutture sanitarie e di istituti scolastici. L’attivita’ di approfondimento attuata dalle forze dell’ordine per meglio chiarire eventuali responsabilita’ e’ dunque accolta con grande fiducia e apprezzamento”.

Related posts

SORIANO CALABRO, INTIMIDAZIONE AD UN’IMPRESA EDILE

Redazione.

SOVERATO, CADAVERE DI UN UOMO RITROVATO IN SPIAGGIA

Redazione.

VILLA SAN GIOVANNI, PERCEPIVA PENSIONE DELLA MADRE MORTA. DENUNCIATO

Redazione.