Sport

COSENZA, MERITAVI DI PIU’. PARI “SEGNATO” DA UN NUOVO TORTO ARBITRALE

Un buon pareggio per il Cosenza nel Monday Night di Serie B al “Renato Curi” di Perugia (2-2). Pari che alla fine sta stretto agli uomini di Braglia, che dopo una prima mezzora “horror”, in completa balia del “Grifo”, col vantaggio di Iemmello (18′), pareggiano ad inizio ripresa con Sciaudone (46′), vanno sotto per un gol di mano di Falasco’ (66′), ristabilendo le distanze 180″ più tardi con una zampata di Rivière. E negli ultimi minuti con l’undici di Oddo sulle gambe sfiorano in un paio di occasioni la terza segnatura. Una gara segnata da una nuova clamorosa “svista” della terza arbitrale, con l’arbitro Fourneau di Roma che convalida il gol di Falasco, nonostante il vistoso fallo di mano. CRONACA – Oddo che schiera i suoi in campo con il consueto albero di Natale: Rosi, Sgarbi, Falasco e Nzita a difesa di Vicario; a centrocampo NIcolussi, Carraro e Dragomir, Bonaiuto e Capone a sostegno del capocannoniere del campionato Iemmello. Braglia che risponde con un 4-4-2 con Perina tra i pali, Legittimo, Idda, Capela e Bittante in difesa; a centrocampo Pierini, Sciaudone; Bruccini e Baez, in attacco il duo Litteri-Rivière. Pronti via è il Perugia si rende pericoloso. Rosi crossa in area, la palla prende una strana traiettoria, ma Perina si salva. Al 9′ ci prova Carraro, ma la palla termina alta. Al 18′ il vantaggio degli umbri. Sugli sviluppi di un corner Iemmello prima colpisce il palo, poi ribatte in rete la sfera (1-0). Cosenza stordito ed in balia dei padroni di casa. Al 23′ Nicolussi, ben servito da Capone, spara alto da buona posizione. Al 28′ è Capone ad avere la palla del raddoppio. Il centrocampista ben servito da Dragomir (in ritardo l’uscita di Bittante che lo tiene in gioco ndr), supera Perina con un pallonetto ma la palla incoccia il palo e termina fuori. Nell’ultima parte del primo tempo i calabresi provano ad alzare il baricentro, con il Perugia che tira il fiato dopo una mezzora a ritmi altissimi. Ad inizio ripresa il Cosenza trova il pareggio. Percussione di Pierini in area, assist per l’accorrente Sciaudone che batte Vicario (1-1). Gol che galvanizza i rossoblu. Ci prova Litteri, ma la sua conclusione di testa è debole. Risponde il Perugia con Bonaiuto, ma Perina è attento e devia in angolo. Al 62′ primo cambio per il Cosenza: Machach prende il posto di Litteri. Nel momento migliore per i calabresi arriva il raddoppio del Perugia. Su un corner dalla destra Falasco insacca deviando nettamente con il braccio. Gol che viene convalidato da Fourneau tra le furibonde proteste dei rossoblu. A farne le spese Perina, ammonito, e Trinchera ed un altro componente della panchina, espulsi dall’arbitro. Vantaggio che dura solo 180″ per gli umbri, con una zampata di Rivière, su cross di Baez, che rimette la gara in parità (2-2). Al 71′ arrivano altri cambi. Oddo richiama in panchina Capone, inserendo Fernandes. Braglia butta nella mischia D’Orazio per Legittimo. Ed è proprio D’Orazio a provarci da fuori, ma Vicario è pronto. Sulla ribattuta Baez mette al centro per Rivière, ma Rosi salva in angolo. Cosenza in palla che ci prova ancora due volte. All’85’ Vicario si oppone ad una conclusione di Sciaudone, mentre tre minuti più tardi è Sgarbi a salvare su un inserimento di Bruccini, lanciato in profondità da Machach. Nei 4′ di recupero c’è tempo per il cartellino rosso di Dragomir, per una testata a Machach. Un pari che fa morale e classifica per i calabresi, con la testa che è già a domenica prossima, quando al San VIto-Marulla arriva il Pordenone. [Foto Andrea Rosito]

Related posts

FESTA SALVA DELLA JUVE. IL CROTONE ADESSO SI GIOCA TUTTO IN 90 MINUTI

Redazione

MICHAEL SCHUMACHER TRASFERITO A PARIGI. SI TENTA CON LE STAMINALI

Redazione.

IL CROTONE A LUNGHE FALCATE VERSO LA PROMOZIONE IN SERIE A

Redazione