Sport

COSENZA, QUINTO PAREGGIO CONSECUTIVO. FALCONE ANCORA PROTAGONISTA

Finisce in parità la sfida del “San Vito-Marulla” tra Cosenza e Lecce (1-1) in una gara con l’inizio posticipato di un’ora, per colpa del Covid (due i positivi nel gruppo squadra dei pugliesi ndr) e i due portieri sugli scudi, che in più di un’occasione hanno evitato la capitolazione ai propri compagni. Lecce che si era portato in vantaggio al 12′ con Coda, con l’attaccante leccese che alla possibilità di raddoppiare al 22′, su calcio di rigore, ma Falcone compie un’altro miracolo e para il quinto penalty consecutivo, il secondo in campionato dopo quello nel derby a Reggio Calabria al “Tanke” Denis. Calabresi che trovano il pareggio nella ripresa con Gliozzi al 56′. CRONACA – Occhiuzzi sceglie il 3-4-1-2 con Falcone tra i pali; Ingrosso, Idda e Legittimo in difesa; a centrocampo Bittante, Kone, Sciaudone e Vera, con Baez a sostegno del duo Carretta-Gliozzi. Corini risponde con 4-3-1-2: Adjapong, Lucioni, Dermaku e Calderoni davanti a Gabriel; sulla mediana Henderson, Tachtsidis e Majer, con Paganini nel ruolo di trequartista, dietro Stepinski e Coda. E’ il Cosenza da vere la prima palla gol del match all’8′ con Caretta, lanciato da Baez, che si presenta davanti a Gabriel ma si fa deviare la sfera in calcio d’angolo. Un minuto più tardi Corini è costretto al primo cambio con l’ex Dermaku che lascia il campo per infortunio, al suo posto in campo Meccariello. Al 12′ il Lecce trova il vantaggio. Coda scatta sul filo del fuorigioco e tira in porta, Legittimo devia, sulla ribattuta lo stesso Coda mette in rete (0-1). Il Cosenza tenta di riportarsi subito in partita ma i tiri di Sciaudone non sorprendono l’estremo difensore pugliese. Al 22′ Aureliano concede un penalty per il Lecce per l’atterramento di Paganini da parte di Idda. Dal dischetto si presenta Coda, ma Falcone respinge la sfera. Al 25′ Stepinski ha la possibilità di trovare il gol, ma da posizione ottimale spara al lato. I problemi fisici di Vera, al suo esordio con la maglia rossoblu, costringono Occhiuzzi al cambio, con l’ingresso di Corsi. Il finale di primo tempo regala tanto nervosismo con Aureliano che espelle prima il tecnico del Lecce Corini e dalla panchina pugliese allontana anche Rossettini. Nella ripresa il Cosenza sembra più quadrato e spinge alla ricerca del pari. Pareggio che arriva al 57′ con il tap-in di Gliozzi, dopo una corta respinta di Gabriel sulla conclusione di Bittante (1-1). Sulle ali dell’entusiasmo i padroni sfiorano il vantaggio, ma Gabriel salva su Baez. Lecce che cambia ancora la 59′: fuori Majer dentro Mancosu. Valzer di sostituzioni che prosegue al 64′ con  la panchina calabrese che richiama Sciaudone e Carretta, inserendo Bruccini e Bahlouli. Ed è proprio Bahlouli ad impensierire Gabriel con un tiro da fuori, con Lucioni pronto a spazzare l’area salentina. Al 68′ doppio miracoloso intervento di Falcone prima su Coda e poi si Henderson. Al 77′ Occhiuzzi cambia ancora: Petrucci prende il posto di Kone e Sueva quello di uno stanco Gliozzi. Gara viva con un finale frizzante. All’81’ Baez manda alto su un tiro deviato di Bahlouli. All’85’ è il subentrato Pettinari a provarci dal limite dell’area ma Falcone è pronto e devia in angolo. L’ultima chance del match è per il neo entrato Petrucci che scagli una bordata da fuori area ma Gabriel vola e devia in corner. Finisce così in parità la sfida del San Vito-Marulla, con il quinto punto in cinque gare per il Cosenza che comunque resta imbattuto in campionato. I rossoblu torneranno in campo per il campionato il 31 ottobre in trasferta contro il Chievo ma prima, mercoledì 28, appuntamento nuovamente al “Marulla” col Monopoli per il terzo turno di Coppa Italia. [Foto Andrea Rosito]

Related posts

CROTONE, TRIS AL VENEZIA E SORPASSO IN CLASSIFICA

Redazione.

IL CROTONE VINCE E PASSA IL TURNO MA NON CONVINCE NICOLA

Redazione.

SOLO UN PARI DEL RENDE A POTENZA. PADRONI DI CASA IN 10 PER OLTRE UN’ORA

Redazione.