Sport

CROTONE KO CONTRO IL PORDENONE E IN CADUTA LIBERA. QUARTA SCONFITTA NELLE ULTIME SEI GARE. LA CRISI È SERVITA

Le cose vanno chiamate col proprio nome. E questa quinta sconfitta del Crotone contro il Pordenone, quarta nelle ultime sei gare, si può tradurre con una sola parola: crisi. Sei partite fa, dopo la vittoria contro l’Entella, la curva Manzulli cantava: salutate la capolista… complice la larga sconfitta del Benevento a Pescara. Dopo di allora, su 18 punti in palio, i rossoblù ne hanno incassato solo 4, il Benevento 14, Frosinone 13, Cittadella e Pordenone 12, Chievo 10. Cosa è successo dal 25 ottobre ad oggi? La domanda andrebbe girata allo staff tecnico che però continua a difendere la bontà del gioco, del possesso palla e altre amenità del genere che però dal 25 ottobre ad oggi hanno fruttato solo la miseria di 4 punti. Quella che si è delineata dopo questa giornata è una classifica incredibile. Con questa sconfitta il Crotone precipita al settimo posto, Se avesse vinto sarebbe rimasto secondo. E dietro il Crotone ci sono cinque squadre nello spazio di un solo punto. E ora andiamo alla gara di Udine. Il Crotone perde con un solo tiro in porta subito, calciato peraltro da uno dei suoi. Di parate vere e proprie del portiere di casa ne abbiamo contato solo due, determinanti su Simy e Vido sicuramente, ma poi nient’altro. Probabilmente, anzi senza il probabilmente, lo sconquassamento a centrocampo causato dalle assenze di Benali e Zanellato costringendo Messias a giocare fuori posizione, è uno dei motivi del momento negativo. Purtroppo i sostituti nei ruoli fondamentali (gli esterni e in mezzo) non stanno rispondendo alla chiamata di Stroppa che non ha troppe scelte da fare. Indecifrabile, per esempio, la prestazione di Vido, a parte il tiro sulla respinta del portiere ramarro al 10’, Mazzotta è un ricordo sbiadito di quello che abbiamo ammirato 5 anni fa. Mustacchio ha evidenti problemi nel fare la fase difensiva, Crociata ha perso la sua verve e in avanti Simy continua nel suo momento negativo visto che non segna da 5 gare. In tutto questo mettiamoci che il Crotone prende gol ininterrottamente da nove partite e quindi c’è anche un problema difensivo che va risolto. Gli unici a restare in piedi, da sei gare a questa parte, sono solo Messias, Golemic e Barberis. Gli altri invece sono entrati in un tourbillon negativo che non porta da nessuna parte. A Udine contro il Pordenone il Crotone sbaglia il vantaggio grazie anche alla bravura del portiere Di Gregorio ma poi becca il gol in chiusura di tempo con un tocco maldestro di Mustacchio che infila la palla sotto l’incrocio di Cordaz. Nel secondo tempo il Crotone ci ha provato ma senza mai la giusta convinzione. L’unico che ha girato senza trovare le giuste collaborazioni è stato ancora una volta Messias. Dietro Golemic ha dato sostanza, Gigliotti causa un rigore su Strizzolo che l’arbitro non fischia, per fortuna diremmo. Insomma il Crotone è una squadra in piena crisi e la speranza a questo punto è che Benali e Zanellato possano rimettersi il prima possibile. E domenica si gioca ancora in trasferta, a Salerno, con la speranza di poter tornare a fare risultato e cancellare questo periodo nerissimo che mette a discussione anche i playoff.

Pordenone 1 Crotone 0

Marcatore Mustacchio (autorete) al 43’ p.t.

Pordenone (4-3-1-2) Di Gregorio 7; Vogliacco 7, Camporese 7, Barison 7, De Agostini 6,5; Gavazzi 6,5, Burrai 6,5, Pobega 6,5; Chiaretti 6 (dal 26’ s.t. Zammarini, 6), Ciurria 6 (dal 38’ s.t. Mazzocco, s.v.), Strizzolo 6,5 (dal dal 31’ s.t. Candellone 6). Panchina Bindi, Almici, Bassoli, Jurczak, Monachello, Pasa, Semenzato, Stefani, Zanon. Allenatore Strukelj 6,5 (Tesser squalificato).

Crotone (3-5-2) Cordaz 6; Golemic 6,5, Spolli 5,5, Gigliotti 5; Mustacchio 5, Messias 6,5,  Barberis 6, Crociata 5,5, Mazzotta 4,5 (dal 35’ s.t. Rutten, s.v.); Simy 5,5, Vido 5 (dal 23’ s.t. Nalini 5). Panchina Festa, Figliuzzi, Bellodi, Cuomo, Evan’s, Gomelt, Itrak, Rodio. Allenatore Stroppa 5.

Arbitro Camplone di Pescara 6,5.

Assistenti Pagnotta 6 –  Magnani 6.

Ammoniti Messias (C) e De Agostini (P) per gioco scorretto.

Note spettatori paganti 1.235 paganti, 1.387 abbonati per un incasso totale di 20.753 euro. Tiri in porta 1-3. Tiri fuori 8-13. In fuorigioco 5-3. Angoli 2-5. Recupero 0’ e 4’.

 

Related posts

CATANZARO, PASSO FALSO AL PROVINCIALE. GIOCA BENE MA PERDE CON IL TRAPANI

Redazione.

CROTONE IN A, ADESSO È SOLO QUESTIONE DI NUMERI

Redazione

SERIE C, NEL WEEKEND SI TORNA IN CAMPO. AL “LORENZON” ARRIVA IL CATANIA, AL DEBUTTO IN CAMPIONATO

Redazione.