Salute

EMERGENZA COVID-19, COME E’ ORGANIZZATA L’ASP DI CROTONE

“Nei diversi ambiti sanitari le strutture dell’Asp di Crotone si sono organizzate per affrontare l’emergenza coronavirus”. A spiegarlo in una nota è il commissario alla sanità gen. Saverio Cotticelli, che spiega nel dettaglio gli interventi adottati in ogni area. “- Area prevenzione: è stata realizzata una specifica centrale operativa che garantisce, segnalato un caso COVID 19 positivo, l’esecuzione dell’indagine epidemiologica per l’individuazione dei contatti stretti e le conseguenti misure di sanità pubblica previste per gli stessi. – Area Distrettuale: È stato predisposto un nucleo ad hoc per l’esecuzione dei tamponi in ambito territoriale.
È inoltre in corso di approvazione il progetto relativo alla realizzazione di tre Unità Speciali di Continuità Assistenziale, finalizzate alla presa in carico dei pazienti Covid19 positivi (gestione clinico assistenziale e supporto psicologico). – Area ospedaliera: Nell’ambito del pronto soccorso, e specificatamente in una tenda della protezione civile, viene eseguito il pre-triage ai pazienti che presentano sintomi compatibili con Covid19. Nella medesima tenda viene anche praticato, ove necessario, un rx grazie ad una postazione mobile. È stato realizzato un reparto Covid 19 nell’ambito dell’ex reparto di Medicina d’Urgenza e del reparto UTIC. Il reparto dispone di complessivi 50 posti letto di cui 8 già predisposti per la terapia intensiva. Il reparto dispone, tra le sale di degenza, di 2 posti di osservazione per i soggetti che accusano una sintomatologia compatibile con Covid19 e per i quali si attende l’esito del tampone. Nell’ambito del presidio ospedaliero sono presenti 6 ventilatori per la gestione del paziente critico. Disponiamo inoltre di altri 8 ventilatori per la gestione del paziente con NIV. La struttura è inoltre dotata di 8 caschi da CPAP. Il reparto Covid19 dispone inoltre di un rene artificiale ad hoc per pazienti positivi e di un ecografo portatile; è atteso per la giornata di oggi l’arrivo di una apparecchiatura radiografica portatile. Inoltre grazie alla collaborazione con le forze dell’ordine viene effettuata una geolocalizzazione dei pazienti Covid19 e dei contatti stretti, al fine di garantire la massima sorveglianza possibile sugli stessi. Siamo in costante contatto con la prefettura, con cui vengono definite le azioni strategiche per la gestione dell’emergenza”

Related posts

NESCI E SAPIA (M5S) SUL MARRELLI HOSPITAL: LA COLPA E’ SOPRATTUTTO DI ARENA

Redazione.

TAC E RISONANZE, AL MARRELLI BASTA LA RICETTA DEL MEDICO

Redazione.

NICOLO’ (FI): SCURA NON E’ IN GRADO

Redazione.