Politica

EMERGENZA RIFIUTI, ORDINANZA DELLA SANTELLI

Il presidente della Regione Calabria, Jole Santelli, ha emanato nella tarda serata di ieri l’ordinanza che
contiene “urgenti misure per assicurare la corretta gestione dei rifiuti urbani anche correlate alla prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid”. L’ordinanza, la numero 45 dall’inizio dell’emergenza coronavirus, è motivata dal fatto che “il servizio pubblico essenziale della raccolta e del trattamento dei rifiuti urbani non può essere in alcun modo interrotto, soprattutto nell’attuale contingenza della pandemia
in corso da Covid che impone ulteriori misure di prevenzione e precauzione per la tutela della salute umana” e che “in concomitanza dell’imminente arrivo della stagione estiva, la diffusività del coronavirus e il rischio di contagio saranno aggravate dalle criticità igienico-sanitaria e ambientale derivanti dal blocco delle raccolte dei rifiuti in tutti i Comuni calabresi, con il rischio di depositi incontrollati di rifiuti in tutte le aree urbane e perurbane del territorio regionale, con gravi ripercussioni anche in termini di tensioni sociali”. L’ordinanza di Santelli è anche un riscontro a una nota dell’Anci Calabria che alcuni giorni fa aveva chiesto al presidente della Regione “l’adozione di un provvedimento emergenziale e d’urgenza per far fronte all’emergenza rifiuti in
atto”. Con quest’ultimo provvedimento si ordinano, “in deroga”, a vigenti disposizioni, una quindicina di misure: tra le varie, in particolare si ordina al Comune di Catanzaro “di presentare entro 20 giorni il progetto di ampliamento volumetrico della discarica in località Alli”; alla Comunità d’Ambito di Cosenza di “procedere entro 20 giorni all’individuazione del sito della discarica di servizio dell’impianto di trattamento ubicato a
Rossano-Corigliano”. Ancora, si ordina al commissario ad acta individuato con dgr 96 del 20 maggio 2020 “di procedere entro 30 giorni all’individuazione del sito della discarica a servizio dell’impianto di trattamento da realizzare nell’area Nord della provincia di Cosenza”, al commissario ad acta individuato con Dgr 97 del 20 maggio 2020 “di procedere all’individuazione del sito di ubicazione della discarica a servizio dell’impianto di trattamento di Siderno”; alla Città Metropolitana di Reggio Calabria “di procedere entro 20 giorni alla pubblicazione della gara per l’affidamento del servizio di gestione degli impianti di Siderno e Gioia Tauro, unitamente ai lavori di riefficientamento del termovalorizzatore e l’adeguamento alle migliori tecnologie disponibili”, alle Comunità d’Ambito di Cosenza, Catanzaro, Vibo Valentia e Crotone e alla Città Metropolitana di Reggio Calabria “di individuare, entro 10 giorni, siti di stoccaggio temporaneo dei rifiuti prodotti dagli impianti di trattamento dei rifiuti urbani”. Infine, si ordina alla societa’ “Mi.Ga.” srl di “accettare nella
discarica in esercizio autorizzata sita in località San Nicola nel Comune di Celico (Cosenza), i rifiuti provenienti e dagli impianti di trattamento regionali, pubblici e privati al servizio del circuito pubblico sino ad un quantitativo massimo di 300 tonnellate/giorno.

Related posts

Elezioni, Tassone torna in corsa dopo 9 legislature

Redazione.

OLIVERIO: PRONTO A FARE UN PASSO INDIETRO, MA DEVE FARLO ANCHE CALLIPO

Redazione.

COVID-19, DAL 4 MAGGIO IL NUOVO DPCM. ANCORA STOP A VIAGGI TRA REGIONI

Redazione.