Cronaca

ESPLOSIONE DI QUARGNENTO, CONFESSA IL PROPRIETARIO DELLA CASCINA

C’è una tentata frode all’assicurazione dietro la tragedia di Quargnento per la quale i carabinieri hanno fermato la scorsa notte Giovanni Vincenti, il proprietario della cascina esplosa in cui sono morti tre vigili del fuoco. Lo rende noto il procuratore di Alessandria Enrico Cieri nel corso di una conferenza stampa. L’uomo fermato ha confessato, negando però l’intenzione di volere uccidere. La moglie di Giovanni Vincenti è indagata a piede libero, rende noto il procuratore. L’esplosione doveva essere una sola ma un errore nella programmazione del timer, collegato alle bombole del gas, ha provocato la tragedia. “Il timer era stato settato all’1.30 ma accidentalmente c’era anche un settaggio alla mezzanotte. Questo ha portato alla prima modesta esplosione che, ahimè, ha allertato i vigili del fuoco”, ha detto Cieri. Vincenti è ritenuto responsabile di disastro doloso, omicidio e lesioni volontarie per l’esplosione che la notte tra il 4 e il 5 novembre ha distrutto un cascinale.

LEGGI anche: ESPLOSIONE DI QUARGNENTO, UN FERMO PER L’OMICIDIO DEI TRE POMPIERI

Related posts

Incidenti stradali, ricoverato ex sen. Donato Veraldi

Redazione.

VIAGGIAVA SULL’AUTOBUS CON DUE CHILI DI DROGA, ARRESTATO DAI FINANZIERI

Redazione.

SAN GIOVANNI IN FIORE, RITROVATO L’ANZIANO DISPERSO MENTRE CERCAVA FUNGHI

Redazione.