Cronaca

Gratteri: “no alla legalizzazione delle droghe leggere”

“Penso che uno Stato democratico non si possa permettere il lusso di liberalizzare ciò che provoca danni alla salute dei cittadini”. Lo dice alla Stampa il procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri sull’ipotesi di una legalizzazione delle droghe leggere. E non ne fa solo una questione etica: “Il guadagno che si sottrarrebbe alle mafie è quasi ridicolo rispetto a quanto la criminalità trae dal traffico di cocaina e eroina. Un grammo di eroina costa 50 euro, un grammo di marijuana costa 4 euro. Non c’è paragone dal punto di vista economico”. “Ogni 100 tossici dipendenti solo il 5% usa droga leggere. Di questa percentuale solo il 25% viene utilizzato da maggiorenni, l’altro 75% sono minorenni. Se noi pensiamo di liberalizzare e vendere droghe leggere e allora dovremmo ipotizzare di vendere hashish e marijuana anche ai minorenni. Di sicuro non risolveremmo il problema di contrasto alle mafie”, sottolinea.

Related posts

OPERAZIONE “TRASH”: FERMATI 5 ELEMENTI DI VERTICE ED AFFILIATI DI RILIEVO DELLA COSCA DE STEFANO

Redazione

VILLA S.GIOVANNI, IN PISCINA NELL’ORARIO DI LAVORO. ARRESTATO

Redazione.

SCOPERTA PIANTAGIONE DI MARIJUANA: CINQUE ARRESTI NEL REGGINO

Redazione.