Cronaca

I RISTORANTI DEL NORD IN MANO ALLA ‘NDRANGHETA, NOVE ARRESTI

I ristoranti in Lombardia e Piemonte in mano alla ‘Ndrangheta, con i clan calabresi che reinvestivano i proventi illeciti. La Polizia di Milano, dalle prime luci dell’alba, sta eseguendo nelle due regioni un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti dinove persone, tutte italiane, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere e trasferimento fraudolento di valori. Sequestrati beni per oltre dieci milioni di euro, tra cui quote societarie di alcuni ristoranti appartenenti alla nota catena di “giro-pizza” Tourlè, riferibili, in prima istanza, ad un noto pregiudicato contiguo alla criminalità organizzata calabrese. Le indagini, condotte dagli agenti della Squadra mobile della Questura di Milano e, nella fase preventiva, dai poliziotti della Divisione anticrimine milanese, coordinate dalla Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lombardo, hanno consentito di far luce sugli interessi di soggetti contigui a cosche calabresi riguardanti il reinvestimento di denaro frutto di attività illecite, con immissione di grandi capitali nel circuito della grande ristorazione nel Nord Italia. I dettagli dell’operazione saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 11 presso la Sala Scrofani della Questura di Milano, alla presenza del direttore della Direzione centrale anticrimine e del direttore del Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato.

Related posts

SARDEGNA, MAGNINI SALVA LA VITA AD UN TURISTA COLPITO DA MALORE

Redazione.

TROMBA D’ARIA. CROTONE, RASO AL SUOLO IL CAPANNONE CON TUTTI I MEZZI COMUNALI

Redazione.

Calabria: ventisei arresti e cento perquisizioni

Redazione