Sport

IL COSENZA CONQUISTA UN PUNTO D’ORO AL BENTEGODI. SCIAUDONE E IDDA FIRMANO L’IMPRESA

Un punto d’oro conquistato al “Marc’Antonio Bentegodi” in rimonta per il Cosenza di Pierino Brgalia per muovere la classifica e proseguire la corsa verso la salvezza. Un risultato fondamentale anche per il morale di una squadra che ancora una volta dimostra di lottare fino agli ultimi secondi in tutti gli incontri. Una caratteristica che nella cadetteria se una squadra vuole salvarsi è imprescindibile. Sotto di due reti (Tupta e Di Carmine), i rossoblu prima accorciano con il nuovo arrivato Sciaudone (81′) e poi trovano il pareggio definitivo con Idda (85′). Il difensore sardo dopo la vittoria nel derby di Crotone “griffa” anche la sfida nella Città di Giulietta. CRONACA – Dopo i primi minuti di studio sono i padroni di casa ad avere la prima prima occasione importante. È Di Guadio (16′) che si accentra dall’out sinistro e tira in porta, ma Perina è attento. Al 26′ è il Cosenza a far venire i brividi ai padroni di casa. Cross velenoso di Baez, ma Maniero non sfrutta al meglio un prezioso assist. Vantaggio Verona al 34′. Tupta è il più lesto a mettere dentro il pallone, dopo un intervento di Perina su Pazzini ed una deviazione di Idda (1-0). I calabresi non ci stanno e con un fendente di Bruccini sfiorano il pari. Sul versante opposto è Colombatto a cercare l’assolo personale, ma il suo tiro termina fuori. Sul finire della prima frazione Pazzini ha la ghiotta occasione del raddoppio. Zaccagni recupera palla e serve l’attaccante, che si fa ipnotizzare da Perina. Nella ripresa sono i rossoblu a rendersi subito pericolosi. Tutino, servito da Mungo, ci prova di destro ma l’estremo difensore scaligero Silvestri compie il miracolo. Al 72′ arriva il raddoppio dell’Hellas: è Di Carmine lesto a d insaccare, su una respinta corta di Perina su tiro di Colombatto (2-0). Due a zero e gara chiusa? A leggere il risultato sembra proprio così, ma il Cosenza è vivo e all’81’ trova il gol che riapre il match. D’orazio calcia una punizione perfetta per il nuovo arrivato Sciaudone, che stacca e batte Silvestri (2-1). Passano quattro minuti è la rimonta rossoblu è completata. Corner di Baez, colpo di testa di Perez per Dermaku, che serve Idda. Il difensore sardo è freddo e batte Silvestri (2-2) e fa esplodere il settore ospite della stadio veronese, assiepato con 400 cuori cosentini. I restanti minuti di gioco vedono gli scaligeri cercare il gol vittoria, ma prima il “solito” Idda salva su Matos e nel recupero è Perina a salvare Dawidowicz. Finisce così sul 2-2 con la squadra rossoblu, che va a festeggiare sotto il settore ospite un punto “pesante”per la lotta salvezza. Una rincorsa alla salvezza che passa per il San Vito-Marulla, dove nel prossimo turno arriva il Cittadella. Un’altra gara fondamentale.

Related posts

IL RENDE SBANCA IL “DE SIMONE” DI SIRACUSA. BIANCOROSSI DI MODESTO TERZA FORZA DEL CAMPIONATO

Redazione.

REGGIO CALABRIA, MALAGÒ APRE LA MOSTRA DELLE FIACCOLE OLIMPICHE AL MUSEO ARCHEOLOGICO

Redazione.

CROTONE, A SCUOLA DA CAMPIONI

Redazione.

Lascia un commento