Buone Feste Esperia
Sport

IL CROTONE REGALA ANCORA UN TEMPO E TORNA BATTUTO ANCHE DA FIRENZE

Niente di nuovo lontano dallo Scida. Il Crotone anche Firenze regala un tempo (era successo a Milano e a Verona) e torna a casa bastonato. A poco vale la reazione del secondo tempo e il forcing finale. Se la partita la complichi maledettamente dopo mezzora sarà maledettamente difficile riprenderla. E così il turno (l’ultimo di andata) che in tanti avevano sperato potesse regalare qualche punto si rivela né più e nemmeno come gli altri. Va bene i problemi di formazione, ci sono tanti infortunati, ma come la metti metti questa squadra fa acqua da tutte le parti e specie in difesa. Metti Golemic e Magallan o Marrone e Luperto il risultato non cambia. Gli errori arrivano a bizzeffe. Poi magari in casa vinci col Benevento ma le amnesie non si cancellano. Peccato perché ci si aspettava di più da Eduardo che ha sofferto le pene dell’inferno così come Zanellato per parlare del centrocampo. In attacco critiche solo per Simy, di Messias non parliamo più: i motivi sono sotto gli occhi di tutti. Ridursi poi ad attaccare nel secondo tempo non è certo nei piani del Crotone. Gli avversari si chiudono bene, serrano i ranghi e diventa tutto più difficile. Si chiude il girone di andata con 12 punti, più tre rispetto al primo anno di A, meno tre rispetto al secondo. Non è un buon bottino, anzi la classifica ricorda che il Crotone è ultimo e che soprattutto dopo 23 giorni dall’apertura del calciomercato non ha fatto un solo acquisto. In difesa manca un leader capace di guidare tutti, in mezzo c’è poca qualità, davanti per fortuna c’è Messias ma non basta. E adesso si è anche infortunato. Alla dirigenza chiediamo solo una cosa: fate presto. Rinforzate questa squadra se vogliamo sperare di salvarci. In fondo ancora non tutto è perduto.

 

FIORENTINA – CROTONE 2-1

MARCATORI: Bonaventura (F) al 20, Vlahovic (F) al 31′ p.t.; Simy (C) al 21′ s.t.
FIORENTINA (3-5-2) Dragowski 6; Milenkovic 6,5, Pezzella 6,5, Igor 6 (dal 23’ s.t. Quarta 6); Caceres 6, Amrabat 6,5, Bonaventura 6,5, Castrovilli 7 (dal 41’ s.t. Pulgar s.v.), Biraghi 6; Vlahovic 7 (dal 23’ s.t.  Kouame 6), Ribery 7 (dal 41’ s.t. Borja Valero s.v.). A disp: Terracciano, Ricco, Barreca, Venuti, Eysseric, Callejon, Montiel.

All. Prandelli 6,5

CROTONE (3-5-2) Cordaz 6; Djidji 5, Marrone 5, Luperto 5 (dal 42’ s.t. Golemic s.v.); Pedro Pereira 5, Eduardo 5, Zanellato 5 (dal 32’ s.t. Siligardi 5,5), Vulic 5 (dal 15’ s.t. Benali 6), Reca 5; Messias 6,5 (dal 42’ s.t. Rojas s.v.), Simy 6. A disp: Festa, Crespi, Magallan, Petriccione, Rispoli, Mazzotta, Dragus, Ranieri.

All. Stroppa 5

ARBITRO: Piccinini di Forlì 6,5

AMMONITI: Igor (F), Zanellato (C), Ribery (F), Pedro Pereira (C)

Related posts

SERIE B, ANGELO CORSI ED IL COSENZA VANNO AVANTI INSIEME

Redazione.

SOLO DUE ARRIVI A GENNAIO PER IL CROTONE. MAI UN MERCATO COSÌ DELUDENTE PER I ROSSOBLÙ

Redazione.

IL COSENZA NON SFATA IL TABÙ “MARULLA”. NUOVO PARI CON IL PISA

Redazione.