Attualità

METEO, INIZIO GIUGNO TRA ANTICICLONE E VORTICE FREDDO

L’inizio dell’estate, lunedì 1 giugno, dal punto di vista meteorologico sarà tutt’altro che tranquillo e sereno. Nel corso della prossima settimana sarà una dura lotta tra il caldo anticiclone ed un vortice freddo. Ecco il punto della situazione de ILMeteo.it con le previsioni dettagliate giorno per giorno. L’inizio del nuovo mese sarà contraddistinto dagli ultimi refoli di aria più fresca ed instabile in discesa dalla Russia. Nel corso della giornata di lunedì 1 giugno (inizio dell’estate meteorologica) ci aspettiamo dei rovesci anche sotto forma temporalesca in particolare su bassa Campania e Calabria. Qualche piovasco interesserà l’arco alpino durante il pomeriggio. Altrove la pressione tenderà ad aumentare regalando più sole con valori termici in aumento. Martedì 2, festa della Repubblica, a parte qualche piovasco su zone interne calabresi e Alpi, ci aspettiamo una bellissima giornata con tempo stabile e soleggiato. Successivamente tra mercoledì 3 e giovedì 4 l’alta pressione di origine africana si riprenderà la scena estendendosi fino ad abbracciare anche il nostro Paese. Per questo motivo ci aspettiamo una prevalenza di sole da Nord a Sud con temperature previste in generale aumento con punte massime fin verso i 28°C, specie al Centro Nord. Attenzione però nel corso del pomeriggio non sono da escludere dei temporali sull’arco alpino, localmente anche molto intensi, in locale estensione alle vicine pianure di Piemonte e Lombardia. Le sorprese non finiscono qui anzi, dal Nord Europa potrebbe arrivare un vortice ciclonico ricolmo di aria fredda ed instabile direttamente dal Polo Nord. Gli effetti si sentiranno già da venerdì 5 con le prime piogge sulle Alpi ed in Liguria. Sarà poi nel corso del weekend, tra sabato 6 e domenica 7 giugno, che questo scontro titanico tra l’aria polare e quella più calda africana potrebbe innescare imponenti celle temporalesche in grado di scaricare al suolo ingenti quantità d’acqua e grandinate. Secondo l’ultimo aggiornamento le regioni più a rischio saranno quelle del Centro Nord.

Related posts

Istat, Calabria in coda per Pil e occupazione

Redazione.

TERREMOTO IN EMILIA-ROMAGNA. SCUOLE CHIUSE A RAVENNA

Redazione.

CANONIZZAZIONE DI NATUZZA, INSEDIATO IL TRIBUNALE ECCLESIASTICO

Redazione.