Attualità

Prodotti di Bufala: il Gruppo Marrelli capofila nel Progetto Razionale

La valorizzazione dei prodotti locali è da sempre una prerogativa di istituzioni ed imprese radicate nelle aree a maggiore interesse agro-alimentare.

Il Gruppo Marrelli, da sempre impegnato con le sue aziende nella promozione e miglioramento delle eccellenze calabresi, ha puntato sul latte di bufala, e lo ha fatto a modo suo, con investimenti mirati al raggiungimento di livelli qualitativi superiori.

Nella giornata di ieri, a Crotone, si è svolto il workshop intermedio del progetto “RAZIONALE”, che vede capofila l’azienda “Le Verdi Praterie” del Gruppo Marrelli, insieme a partners come l’Università “Federico II” di Napoli, rappresentata dal prof. Giuseppe Campanile che ha diretto le fila del progetto scientifico, l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”, il C.N.R. , un delegato del Ministero dello Sviluppo Economico, la Tecnologica Research institute e l’azienda crotonese Arredo Inox.

I ricercatori italiani hanno visitato l’azienda agricola, l’allevamento di bufala nella piana di Sant’Anna, il Caseificio di produzione Mozzarella di Bufala di Le Verdi Praterie e poi l’azienda partner Arredo Inox di Alessandro Cuomo, produttore di Maturmeat, il famoso armadio di frollatura carni ormai famoso in tutto il mondo. Successivamente i ricercatori hanno eseguito un approfondito excursus del lavoro svolto nei primi mesi di attività del progetto evidenziando i primi ed importanti risultati che porteranno numerosi elementi di innovazione sia per la produzione di mozzarella di Bufala che di carne bufalina.

Il progetto, selezionato tra i migliori riconosciuti dal MISE (Ministero Sviluppo Economico – PON I&C 2014-2020/HORIZON 2020) ha come obiettivo il miglioramento delle tecniche di allevamento utili a favorire la qualità dei prodotti derivati dall’allevamento del bufalo e incremento delle molecole funzionali attraverso interventi sul razionamento.

Il progetto si articola in tre macro-obiettivi: l’obiettivo generale è quello di implementare e migliorare le tecniche di zootecnia per ottenere il miglioramento documentato e certificato delle caratteristiche funzionali dei prodotti derivati dal latte e dalla carne delle bufale allevate presso le stalle della azienda “Le Verdi Praterie”. Inoltre, “RAZIONALE” mira alla realizzazione di prodotti innovativi derivanti dal latte e dai derivati del latte, che saranno arricchiti delle molecole funzionali con funzione cardio-protettiva, diminuendo allo stesso tempo tutte quelle molecole ad azione pro-infiammatoria e aterogeniche, concorrendo ad ottenere una azione “nutraceutica” nei confronti di pazienti con patologie cardio-vascolari, ma limitando anche il danno infiammatorio nelle patologie sistemiche dismetaboliche.

Infine, la cooperazione con il CNR rappresenta un punto di interesse progettuale finalizzato allo sviluppo di “packaging”, ovvero i contenitori per alimenti, che avranno una “naturale” azione batteriostatica, che aumenterà la cosiddetta “shelf-life”, la capacità di conservare i prodotti senza che essi subiscano modifiche o scadimenti nelle loro proprietà chimico-fisiche e qualitative.

Le innovazioni proposte nel progetto “RAZIONALE” avranno ricadute rilevanti nel settore bufalino a livello nazionale, in termini di trasferimento tecnologico e miglioramento di conservazione della mozzarella di bufala, andando a creare nicchie di eccellenza in settori, come l’agroalimentare, considerato sempre più strategico per l’economia nazionale e regionale.

Related posts

“A MEGALIZZI RICONOSCEREMO IL TITOLO DI GIORNALISTA PROFESSIONISTA”

Redazione.

CATANZARO, ABRAMO SUI NUMERI DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA: “CITTÀ MODELLO PER LA CALABRIA”

Redazione.

TURISMO, TAPPA CROTONESE PER LA NAVE DA CROCIERA SEABOURN ENCORE

Redazione.

Lascia un commento