Politica

SAN GIOVANNI IN FIORE, POLITICHE ATTIVE PER IL LAVORO: IN ARRIVO 156MILA EURO DALLA REGIONE

In arrivo a San Giovanni in Fiore un finanziamento pari a 156 mila euro per garantire la prosecuzione del percorso lavorativo di formazione a 26 disoccupati ex percettori di mobilità in deroga”. Lo comunica l’assessore alle politiche sociali, Marianna Loria, soddisfatta del provvedimento approvato dalla Giunta Oliverio, che rappresenta una nuova importante boccata di ossigeno a quanti, disoccupati di lungo tempo, soffrono una situazione di svantaggio e di disagio. “Da tre anni – afferma l’assessore Loria – abbiamo attivato le procedure per aderire al progetto di politiche attive per il lavoro proposto dalla Regione Calabria, in assoluta controtendenza rispetto a precedenti amministrazioni che non avevano mai presentato progetti in merito. Noi, invece, ci abbiamo creduto e già nel 2017, dopo un lungo lavoro portato avanti per trovare le risorse comunali necessarie ad attivare le adeguate polizze assicurative, abbiamo presentato un progetto che, ritenuto valido e finanziato, ci ha dato la possibilità di impiegare giovani qualificati, molti dei quali inseriti nell’ufficio tecnico e nell’ufficio ragioneria, che hanno contribuito a portare avanti le procedure burocratiche/amministrative dell’Ente, acquistando nel contempo competenza e professionalità. Per non parlare degli operai che sono stati e sono preziosi per contribuire a garantire l’efficienza dei servizi in molti settori”. “In questo contesto – prosegue Marianna Loria – ringrazio il Presidente Oliverio che si è battuto come un leone per avere la possibilità di proseguire questo percorso di politiche attive di lavoro che la Conferenza Stato-Regione, per l’annualità corrente, voleva abolire, lasciando i disoccupati ex mobilità in deroga, fuori da ogni circuito di reinserimento lavorativo. Una eventualità che è stata per fortuna scongiurata dal Presidente Oliverio, sostenuto dagli amministratori comunali e da alcuni sindacati, dopo mesi di battaglia e di lotta nel corso dei quali abbiamo vissuto anche momenti di profonda amarezza, condivisa con questi lavoratori che quest’anno, per come si erano messe le cose, si erano fatti sopraffare dall’amarezza e dalla delusione non ritenendo che si sarebbe potuto raggiungere l’obiettivo. Ed, invece, la battaglia è stata vinta e possiamo tirare un bel respiro di sollievo consapevoli che da domani inizia un nuovo momento di lotta. Ed, infatti, dopo aver garantito altri 12 mesi di lavoro e formazione, a questi lavoratori deve essere assicurata loro anche la possibilità, a tutela della formazione acquisita e che ribadisco, risulta indispensabile agli Enti locali, di superare in qualche modo il precariato ”.

Related posts

SANTELLI, FONDI PER 1,5 MILIONI PER IL TERMALISMO

Redazione.

SANITA’, SCURA SI RIVOLGE AI CALABRESI

Redazione.

REGGIO CALABRIA, FALCOMATA’: SCONGIURATO IL RISCHIO DISSESTO

Redazione.