Attualità

Sculco: “Attenzione al declassamento per i nostri oli d’oliva”

“Occorre prestare attenzione al rischio di declassamento per una varietà-simbolo del Sud, la Carolea, e per oli di assoluta qualità che non potrebbero più vantare la denominazione di extravergine di oliva a causa dello sforamento del nuovo limite relativo all’acido grasso eptadecenoico, inserito nel Regolamento 1830/2015 che modifica il regolamento (CEE) n. 2568/91 e riguardante le caratteristiche degli oli d’oliva e degli oli di sansa d’oliva nonché ai metodi ad essi attinenti”.

Lo sostiene la consigliera regionale di Calabria in Rete Flora Sculco che aggiunge: “E’ urgente intervenire con la necessaria determinazione a Bruxelles. Dinanzi a un rischio grave che l’economia calabrese corre e che interessa 30mila aziende, serve una reazione forte che coinvolga anche la delegazione europarlamentare meridionale”.

Conclude la consigliera regionale: “I produttori calabresi lamentano che gli oli ottenuti dalla varietà Carolea presentano valori dell’acido eptadecenoico fino a 0,38%, superiori al limite massimo di 0.30% previsto dal regolamento comunitario per la definizione di olio extravergine di oliva e che, per tale minimo scostamento, gli oli in questione, pur in possesso di tutti gli altri requisiti richiesti e anche se rappresentativi della migliore produzione olearia nazionale, non potrebbero essere classificati come extravergine. Mentre il Governo col Masteplan si sforza di organizzare linee di intervento e risorse, sarebbe davvero una beffa se, nello stesso tempo, l’Europa si dimostrasse disattenta e addirittura ostile attraverso un provvedimento che penalizza eccellenze e settori su cui il Mezzogiorno italiano fa affidamento per invertire la tendenza al declino”.

Related posts

CODACONS CALABRIA SU SICUREZZA DELLE SCUOLE

Redazione.

GDF, VISITA DEL GENERALE FABIO CONTINI

Redazione.

Camusso: occorre investire risorse ordinarie nel Sud

Redazione.

Lascia un commento