Sport

SIMY TRASCINA IL CROTONE NELLA NOTTE DI SALERNO. LA SALVEZZA È A PORTATA DI MANO

Nella notte di Salerno continua a brillare la stella di Simy che con una doppietta, la prima da quando veste la maglia del Cotone, sbanca l’Arechi e porta tre punti pesantissimi non per la classifica ma per il morale. Che piaccia o meno il Crotone in questo momento è Simy. È lui l’attaccante più spietato dei rossoblù, quello che, per esempio, tira un interno a giro da 25 metri collocandolo in porta quando qualsiasi altro avversario avrebbe puntato la porta dritto per dritto. Ed è sempre lui quello che mette pressione alla difesa avversaria che deve ricorrere alla doppia marcatura. Poi quando uno come Migliorini ti concede l’occasione per andare a segnare il 2-0 il nigeriano non si fa pregare. Salernitana – Crotone è stata la partita delle promesse mantenute, quelle di Stroppa. I rossoblù sono scesi in campo e hanno giocato con un cinismo e una praticità vista solo a Foggia. E nonostante tutti i guai che Stroppa si è portato dietro specie alla vigilia (out Milic e Vaisanen) dovendo dare una maglia da titolare a Valietti e Tripaldelli. E poi riecco Nalini che fa un gran lavoro in occasione del gol del vantaggio all’11’ di Simy quando va a caccia di un pallone lanciato in area, controllato di petto e accomodato per il piedone di Simy che lo ha trasformato in gol. Ma poi al 22’ è quello che alza già bandiera bianca, che continua a rimanere prigioniero delle bizze del suo ginocchio. Stroppa è costretto a sostituirlo con Machach che però gioca una gara sontuosa. E la Salernitana? Parte bene, Jallow crea qualche problema a Curado, segna anche un gol forse regolare ma che l’assistente annulla ma poi è pasticcione, grossolano e in mezzo al campo raramente comanda il gioco. Benali gioca 15 metri più in avanti rispetto al solito, il play basso lo fa Barberis, Rhodén è il solito motorino e i due ‘quinti’ anche se non poco utilizzati in questa stagione fanno una bella figura. Al 39’ Benali ha sul piede il gol del 2-0 su errore di Migliorini ma il suo tiro da dentro l’area, in pratica un rigore in movimento, è intercettato da Micai che tiene a galla i suoi. Nel secondo tempo i padroni di casa non riescono a cambiare storia alla gara. La manovra è sempre impacciata, la difesa imprecisa e contro uno come Machach che ha i piedi educatissimi, le sofferenze sono evidenti. Il 2-0 matura dopo 10’ del secondo tempo. Machach spizza un rinvio dalla difesa, Migliorini completa la sua partita horror sbagliando su Simy che si invola solo davanti a Micai, lo supera e deposita in rete andando a raccogliere la felicità dei tifosi del Crotone proprio sotto quella curva con tanto di mani alle orecchie. La Salernitana è frastornata, il Crotone rischia solo quando Vuletich di testa impegna Cordaz che si esalta con una parata plastica con la palla indirizzata sul palo lungo. Il Crotone cerca il gol-sicurezza e lo trova anche ma lo scavetto di Machach viene cancellato dal guardalinee per una posizione di fuorigioco che in effetti non esiste. Dopo 6’ di recupero l’arbitro Volpi indica la fine, il Croton festeggia tutto unito sotto lo spicchio di curva dove ci son 200 tifosi, compreso Stroppa che va a raccogliere gli applausi. La classifica però dice che hai acciuffato il Foggia a quota 26 mentre il Venezia deve ancora giocare ma sei sempre giù. La strada è ancora lunga, si riparte domenica prossima dalla gara interna contro il Lecce, un’altra rogna non di poco conto. Ma anche il Palermo lo era.

Related posts

POLISPORTIVA MIRTO CROSIA, “CAPITANO” È IL NEO PRESIDENTE

Redazione.

NUNZIO DI ROBERTO: «ABBIAMO UN PIEDE IN SERIE A»

Redazione

VIBONESE, VITTORIA SENZA PROBLEMI A MATERA. LUCANI IN CAMPO CON LA BERETTI

Redazione.

Lascia un commento