Cronaca

TRENO DERAGLIATO, SCAMBIO DIFETTOSO. INDAGATO L’AD DI ALSTOM FERROVIE

Michele Viale, AD di Alstom Ferrovie, è indagato dalla procura di Lodi nell’inchiesta sul deragliamento del treno Frecciarossa vicino a Lodi che ha causato la morte di due macchinisti. La società ha prodotto un componente del cambio sospettato di essere l’origine dell’incidente che, stando ai primi accertamenti, sarebbe risultato “difettoso”.  “Ieri sera è pervenuta una comunicazione da parte della procura, a seguito del rilevamento di un difetto interno all’attuatore (una componente dello scambio – ndr). Sono state fatte delle prove in campo e sembra che ci sia un’inversione dei cablaggi interna al dispositivo che si è andato a sostituire”. Lo ha detto il direttore dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle Ferrovie, Marco D’Onofrio, durante l’audizione in commissione Lavori Pubblici del Senato.  “Questo – ha sottolineato D’Onofrio – giustifica il problema che hanno trovato i manutentori nelle verifiche prima del rilascio dell’apparato al regolatore della circolazione perché evidentemente qualcosa non funzionava a dovere”. Secondo il direttore dell’Ansf, si tratta di “una prima evidenza che introduce un problema che è stato riscontrato, ma non giustifica completamente tutto. Probabilmente nell’andare a rilasciare il deviatoio forse anche lì qualcosa non ha funzionato”. D’Onofrio ha spiegato anche che da ieri sera Rfi ha “ovviamente sospeso il montaggio di attuatori di questo tipo”. “Ora ci accingiamo a fare una procedura di safety alert. Una volta noti gli estremi di questo componente o del lotto di fabbricazione, allerteremo tutte le National Safety Authority dell’Unione europea, in modo che in tutto il territorio dell’Unione si avrà notizia del difetto riscontrato sul componente”.

Related posts

VIOLENZE A CONVIVENTE, ARRESTATO DOPO UN INSEGUIMENTO

Redazione.

LAVORO, STOP ALLA PROTESTA SULLA CIMINIERA DI ROSSANO

Redazione.

ALBA DI SANGUE NEL VIBONESE, TRE GIOVANI PERDONO LA VITA IN UN INCIDENTE

Redazione.