VINCE IL CROTONE MA ANCHE EMPOLI E GENOA. LA FIAMMELLA RESTA ACCESA

0
675

Il Crotone si aggrappa alla salvezza con le unghie e con i denti. Va a vincere anche a Pescara (terzo successo lontano dallo Scida) in quel campo avaro nelle prime tre gare casalinghe di questa complicatissima stagione. Ma ai rossoblù la vittoria (sesto risultato positivo) non basta perché anche l’Empoli e il Genoa tornano a vincere e riescono a mantenere invariate le distanze dalla formazione guidata da Nicola. Contro il retrocesso Pescara il Crotone riesce a risolvere una partita complicatissima e per farlo si affida al calciatore che meno ha brillato in questa stagione. tonev2Quel Aleksandar Tonev che al 26’ della ripresa ha tirato fuori un numero ad effetto inaspettato. Un destro micidiale in diagonale da dentro l’area di rigore che si è infilato sotto l’incrocio dei pali nonostante il tentativo di parata di Fiorillo. Gara complicata specie nel primo tempo nel quale il Pescara ha chiuso sapientemente tutti i varchi e si è fatto pericoloso un paio di volte dalle parti di Cordaz. Ferrari ha dovuto risolvere alla grande un incursione di Bahebeck destinata a finire in rete. nicolaNicola aveva provato a scardinare le difese abruzzese con la fisicità di Simy e Trotta ma alla fine ha dovuto ricorrere alla velocità di Acosty ma soprattutto di Tonev. Il Pescara dopo il gol del vantaggio ha messo alle corde la difesa rossoblù reclamando anche per un presunto fallo di Ceccherini ai danni di Benali che invano e con rabbia ha chiesto la concessione del penalty. Russo invece lo ha premiato con un cartellino giallo per proteste e poi lo ha spedito sotto la doccia per aver continuato a protestare vibratamente. A fine gara i volti dei rossoblù non erano felicissimi visti i risultati dagli altri campi. Ma a tre giornate dalla fine i giochi sono ancora tutti aperti. Il Crotone domenica prossima ospiterà allo Scida l’Udinese. Impossibile pensare ad altro che non sia la vittoria.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO