CAPODANNO, UN BOLLETTINO DI GUERRA. DUECENTOTREDICI FERITI PER I BOTTI, GRAVI IN TREDICI

0
100
L'intervento dei vigili del fuoco in Via Lanfranco a seguito di un incendio, Roma, 1 gennaio 2019.

Campagne di sensibilizzazione e divieti, per lo più ignorati, contro i botti di Capodanno sono riusciti, per il sesto anno consecutivo, a evitare i morti, ma non i feriti: il bilancio della polizia ne conta 216, tra cui 13 gravi con prognosi sopra i 40 giorni. E 41 sono i minorenni. I casi più seri a Milano e Benevento. Nel capoluogo lombardo un giovane è in gravi condizioni dopo lo scoppio di un petardo che gli ha dilaniato le mani e ferito volto e testa. Grave anche una 36enne ricoverata in ospedale a Benevento dopo essere stata colpita dalla scheggia di un grosso ordigno a Sant’Agata dei Goti. In val di Susa uno studente di diciannove anni ha perso la mano destra ed è rimasto ferito ad una gamba per lo scoppio di un petardo. A Catania amputata la mano a un uomo di 43 anni. Sei i feriti in Basilicata: a Melfi un uomo ha perso una falange. A Napoli e provincia i feriti sono stati 37. A Pescara un giovane è stato denunciato per aver esploso botti illegali vicino all’area dove si stava tenendo il concerto di fine anno con J-Ax. Stessa sorte per un turista 21enne che a Firenze è stato notato dalla polizia mentre lanciava un piccolo petardo contro il Battistero in piazza Duomo. Decine di cassonetti dei rifiuti in fiamme a Roma e tanti gli interventi dei vigili del fuoco, che in tutta Italia sono stati 658 (un anno fa furono 519): il numero maggiore in Lazio (171), Lombardia (88), Campania (86), Emilia Romagna (76) e Toscana (52). Non sono mancati episodi legati all’uso di spray al peperoncino: il caso più grave a Pratonevoso, nel cuneese dove a un concerto si è contata una dozzina di persone tra intossicati e soccorsi. Il 2018 si è chiuso, come da tradizione, tra feste in piazza e cenoni. A Roma nell’arco delle 6 ore della festa al Circo Massimo i contapersone ai 5 varchi hanno registrato il transito di circa 110 mila persone. Tutto esaurito a Venezia per lo spettacolo dei fuochi d’artificio di Capodanno, che allo scoccare della mezzanotte hanno illuminato il Bacino di San Marco. A Napoli in migliaia hanno ballato al concerto in Piazza del Plebiscito, gremita anche Capri. Musica e il tradizionale rogo del ‘Vecchione’ a Bologna in piazza Maggiore. In piazza Politeama a Palermo, in tanti hanno sfidato la pioggia per applaudire l’artista bosniaco Goran Bregovic. E per il cenone di fine d’anno Coldiretti stima che gli italiani abbiano speso 2,1 miliardi di euro, con cotechino e lenticchie a darla da padroni: il 68% ha festeggiato in casa, gli altri si sono divisi tra ristoranti, trattorie, pizzerie, pub e agriturismi.