Lavoro, segnali positivi ma restano criticità

0
245

Arrivano buoni segnali nell’ambito dell’occupazione in Italia. Il dato Istat sul numero di occupati “rappresenta un segnale positivo per l’economia, seppure dentro un contesto incerto e contraddittorio, caratterizzato ancora da una tendenza al rallentamento rispetto alle performance registrate nella parte centrale dello scorso anno”. Secondo la Confcommercio, aldilà degli aspetti positivi rappresentati da un’occupazione femminile che si colloca su livelli record (oltre un milione di donne in piu’ impiegate dal 2004 ad oggi) e dalla ripresa congiunturale dell’occupazione indipendente, permangono elementi di criticita’ del mercato del lavoro per alcune fasce di eta’, in particolare per i potenziali lavoratori tra 25 e 49 anni.