Cultura & Spettacolo

PIF PRESENTA IL SUO LIBRO A LAMEZIA E PARLA DEI ROSARI SVENTOLATI

“A Trame sono stato in passato e sono contento sia di tornare sia che prosegua con altri progetti nel corso dell’anno”. Cosi Pierfrancesco Diliberto, PIF, a margine della presentazione del suo libro “…che Dio perdona a tutti” (Feltrinelli Editore) a Lamezia Terme. “Facevo fatica a vedermi scrittore – continua – poi ho scritto un libro partendo da in soggetto di un film che è una cosa che ho vissuto io e cioè quella di rendermi conto in età adulta che nonostante mi dichiarassi cattolico e cristiano non praticavo nulla né di cristiano né di cattolico e quindi son passato al gruppo misto degli agnostici. Ci sono professori di religione che usano il libro nel corso di religione e di catechismo – dice PIf – ma il libro non ha nessuna pretesa, è fieramente leggero, non lo metterei accanto a quello di Papa Ratzinger sulla teologia. Parla della fede come se ne può parlare liberamente a cena e credo che abbia funzionato per questo. Si pone delle domande è una storia divertente che si inserisce a pieno titolo nella tradizione della commedia italiana più trascinante e intelligente. Un romanzo che tocca in profondità temi importanti del nostro tempo”. E alla domanda sulla versione strumentale della fede, visto che ultimamente si sono visti sventolare dei rosari e invocare la Madonna, alla luce delle critiche della Cei che si è espressa su ciò PIF risponde: “ Quando ho sentito questo ho pensato, se anche io prego la Madonna per far vincere un altro politico, cosa fa la Madonna ? Fa vincere chi prega di più? Chi usa preghiere più raffinate? Non credo nei miracoli.”

Related posts

PITTURA, AL MARCA LA PERSONALE DI FABIO NICOTERA

Redazione.

COSENZA, IL VALZER DEL “GATTOPARDO” RIVIVE AL MUSEO MULTIMEDIALE

Redazione.

Reggio Calabria: CasaPound organizza fine settimana solidale

Redazione